• Italia
  • martedì 19 giugno 2018

Questa foto è stata scattata tre anni fa, non “stamattina alle 9”

E non riguarda nessuna "invasione" a Milano: ma ha ripreso a girare su internet, di nuovo, descritta come attuale

Per via di chi pubblica e rilancia cose false per promuovere online l’odio e il razzismo, da alcune ore ha ripreso a circolare sui social network una vecchia foto, scattata nel giugno 2015, in cui si vedono alcuni migranti dormire nel mezzanino della stazione centrale di Milano, il piano a metà tra l’ingresso principale della stazione (quello di piazza Duca D’Aosta) e il piano rialzato da cui partono i treni. La foto viene accompagnata da didascalie che la descrivono come attuale e recente, prendendola a emblema di una situazione di questi giorni se non addirittura di “stamattina”. È falso.

In realtà la foto è di tre anni fa, e non è comunque la prima volta che riprende a girare: successe già un anno fa, sempre a giugno. Tra l’altro anche la foto di tre anni fa mostrava la conseguenza di una questione che con i migranti in realtà non aveva molto a che fare.

La foto fu pubblicata da Repubblica in una galleria fotografica all’interno di un articolo messo online il 12 giugno 2015.

In quel periodo il numero di migranti nella stazione centrale di Milano aumentò perché era in corso il G7 in Germania e quindi l’accordo di Schengen, quello sulla libera circolazione delle persone in molti stati europei, fu temporaneamente e parzialmente sospeso per evitare che manifestanti e contestatori potessero arrivarci. I migranti, molti dei quali in possesso di un regolare biglietto per superare il confine, furono quindi costretti ad attendere più giorni del solito per poter raggiungere altre nazioni europee in cui volevano andare.

Su Twitter la questione è stata direttamente commentata anche da Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali allora (nella giunta guidata da Giuliano Pisapia) e ora (nella giunta guidata da Giuseppe Sala).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.