Il CEO di Audi, Rupert Stadler, è stato arrestato in Germania nell’ambito delle indagini sul “dieselgate”

Il CEO dell’azienda automobilistica Audi, Rupert Stadler, è stato arrestato lunedì per frode su iniziativa della procura di Monaco, in Germania. Volkswagen – società che detiene la proprietà di Audi – ha confermato la notizia, ma non ha fornito molti altri dettagli. Stadler è sotto indagine per il cosiddetto “dieselgate”, la modifica ai motori diesel per farli risultare più ecologici di quanto in realtà fossero. L’arresto è stato disposto per evitare che Stadler possa occultare prove utili all’inchiesta. Audi è accusata di avere venduto almeno 210mila automobili diesel, in Europa e Stati Uniti a partire dal 2009, con il software che modificava i dati sulle emissioni. Non è ancora chiaro quando e a che condizioni Stadler potrà essere rilasciato.

Il CEO di Audi, Rupert Stadler (CHRISTOF STACHE/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.