Ufficiali di polizia russi attendono l'inizio di Russia-Arabia Saudita allo stadio Luzhniki di Mosca (Matthias Hangst/Getty Images)

Numeri e aneddoti sui Mondiali 2018

Da giocarvi davanti a una birra, ora che sono iniziate le partite: c'è un titolare della Spagna nato nel Salento e una nazionale che ha 17 giocatori nati all'estero, per cominciare

Ufficiali di polizia russi attendono l'inizio di Russia-Arabia Saudita allo stadio Luzhniki di Mosca (Matthias Hangst/Getty Images)

I calciatori convocati per i Mondiali 2018 sono 736, divisi fra le trentadue nazionali partecipanti. I 736 calciatori presenti in Russia provengono da 310 diversi club professionistici. Il Manchester City è il club più rappresentato, con 16 giocatori fra Argentina, Belgio, Francia, Inghilterra, Brasile, Germania e Portogallo, quasi tutti titolari. Dopo il Manchester City ci sono il Real Madrid, con 15 giocatori, e il Barcellona, con uno in meno. Il Barcellona è anche l’unica squadra ad aver almeno un giocatore in ciascuno degli otto gruppi della fase a gironi. La squadra italiana più rappresentata è invece la Juventus, con 10 giocatori (sarebbero 11 con Stephan Lichtsteiner, che però è andato all’Arsenal).

Potremmo andare avanti per ore. Ve lo risparmiamo: abbiamo raccolto qui i dati e gli aneddoti più interessanti che abbiamo trovato, da rivendervi davanti a una birra.

📅  Il calendario
🇷🇺  La fase a gironi
🏆  Le 7 favorite

👕  Le maglie
🥇  L’albo d’oro dei Mondiali

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.