Migranti a bordo della Aquarius, lunedì 11 giugno (Kenny Karpov/SOS Mediterranee via AP)

Salvini dice che l’Aquarius è una «crociera»

Il ministro dell'Interno ha paragonato a una vacanza il viaggio di 629 persone dall'Africa verso l'Europa attraverso moltissimi pericoli e sofferenze

Migranti a bordo della Aquarius, lunedì 11 giugno (Kenny Karpov/SOS Mediterranee via AP)

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha definito il viaggio dei migranti sulla nave Aquarius una «crociera», paragonando a una vacanza il viaggio di 629 persone dall’Africa verso l’Europa attraverso moltissimi pericoli e sofferenze, e col concreto rischio di morire annegato o di stenti.

La nave Aquarius, gestita dalla ong SOS Mediterranée, è ancora in viaggio verso il porto di Valencia, perché l’Italia tra domenica e lunedì si è rifiutata di farla entrare in uno dei suoi porti per sbarcare i 629 migranti che aveva recuperato in mare. La decisione di non fare sbarcare la Aquarius in Italia era stata presa dallo stesso Salvini, che giovedì pomeriggio, lasciando la Camera, parlando della Aquarius ha detto ai giornalisti:

Non possono decidere dove cominciare e finire la crociera. È tutto sotto controllo, è tutto tranquillo, non c’è problema alcuno. Mi sembra che l’arrivo sia previsto sabato senza intoppi.

A causa del brutto tempo, in verità, l’arrivo della Aquarius a Valencia è stato posticipato.

Dove si trova ora l’Aquarius?

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.