(CHRISTOPHE ARCHAMBAULT/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 10 giugno 2018

Rafael Nadal ha vinto il Roland Garros

Per l'undicesima volta in carriera, battendo in finale l'austriaco Dominic Thiem

(CHRISTOPHE ARCHAMBAULT/AFP/Getty Images)

Il tennista spagnolo Rafael Nadal ha vinto il torneo singolare maschile del Roland Garros, battendo in finale l’austriaco Dominic Thiem per 6-4, 6-3, 6-2. Per Nadal è il 17esimo titolo in un torneo del Grande Slam, e l’undicesimo al Roland Garros, quello che si gioca sulla terra rossa, notoriamente la sua specialità. Per Thiem era invece la prima finale di uno Slam: ci era arrivato battendo in semifinale l’italiano Marco Cecchinato.

Nadal ha disputato una finale impressionante, concedendo pochissimo a Thiem e sembrando in totale controllo della partita per tutti e tre i set. La sua superiorità è stata nettissima, nonostante prima della partita ci fosse chi ipotizzava una finale più combattuta, visto che Thiem – che ha solo 24 anni, otto in meno di Nadal – era stato tra i pochi a batterlo recentemente sulla terra rossa.

Nadal vinse il suo primo Roland Garros nel 2005, a 19 anni. Oggi di anni ne ha 32, ed è attualmente primo nel ranking mondiale ATP, davanti allo svizzero Roger Federer. Dopo alcuni anni con molti problemi fisici e mentali, l’anno scorso era tornato a giocare ad alti livelli, vincendo prima il Roland Garros e poi gli US Open. Sabato la tennista romena Simona Halep aveva vinto la finale singolare femminile del torneo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.