• Mondo
  • mercoledì 6 giugno 2018

Stati Uniti e Turchia hanno trovato un accordo sulla gestione della città siriana di Manbij

Gli Stati Uniti e la Turchia hanno trovato un accordo su Manbij, la città nel nord della Siria che fino al 2016 era sotto il controllo dello Stato Islamico (o ISIS) e che poi fu liberata da un insieme di forze che includeva anche i curdi siriani delle Unità di protezione popolare (più conosciute con la sigla YPG). Lo scorso anno Stati Uniti e Turchia, entrambi membri della NATO, erano arrivati vicini a scontrarsi per i disaccordi sulla gestione di Manbij, che si trova a pochi chilometri dal confine turco meridionale: i turchi non volevano che la città fosse controllata dai curdi siriani dell’YPG, che considerano un gruppo terroristico ma che allo stesso tempo sono alleati degli Stati Uniti nella guerra contro l’ISIS. L’accordo trovato prevede il ritiro dei curdi siriani da Manbij nel giro di trenta giorni; la città sarà sorvegliata congiuntamente da americani e turchi.

Manbij, Siria, 28 marzo 2018 (DELIL SOULEIMAN/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.