Il video del discorso di Liliana Segre al Senato per la fiducia al governo Conte

La senatrice a vita, sopravvissuta al campo di sterminio di Auschwitz, ha detto che si opporrà «con tutte le energie che mi restano» a nuove leggi discriminatorie nei confronti dei rom

La senatrice a vita Liliana Segre (ANSA/ANGELO CARCONI)

Uno degli interventi più apprezzati durante il dibattito in Senato di martedì, che ha preceduto il voto sulla fiducia al governo Conte, è stato quello della senatrice a vita Liliana Segre. Era la prima volta che Segre prendeva parola in Senato da quando è stata nominata senatrice a vita, lo scorso gennaio.

Segre ha 87 anni, e quando ne aveva 13 fu internata nel campo di concentramento di Auschwitz: è una degli ultimi italiani viventi tra i sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti. Nel suo intervento al Senato ha ricordato la sua storia e quella degli ebrei italiani uccisi nell’Olocausto; poi ha detto di aver conosciuto «le condizioni di clandestina e richiedente asilo», «il carcere e la condizione operaia».

Ha parlato della deportazione dei rom, dicendo che si opporrà «con tutte le energie che mi restano» a nuove leggi discriminatorie nei loro confronti. Infine ha spiegato che siccome non appartiene a nessun partito, nel suo ruolo di senatrice a vita risponderà solo alla sua coscienza, dicendo di confidare «nella pazienza che tutti vorranno usare nei confronti di un’anziana nonna come sono io». Segre si è astenuta al voto di fiducia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.