• Mondo
  • domenica 3 giugno 2018

Almeno 48 morti in un naufragio in Tunisia

Al largo delle isole Kerkenna, sulla costa orientale del paese: sembra che sull'imbarcazione ci fossero almeno 180 migranti

Nella notte tra sabato 2 e domenica 3 giugno c’è stato un naufragio al largo delle isole Kerkenna, nel mare di fronte alla Tunisia. Il governo tunisino ha detto che sono morti almeno 48 migranti e che 67 sono stati salvati dalla Guardia costiera; le operazioni di salvataggio sono state sospese domenica notte e riprenderanno lunedì. Le autorità tunisine hanno detto che la barca trasportava 180 migranti, tra cui 80 da altri paesi africani. Uno dei sopravvissuti ha raccontato che il capitano ha abbandonato la nave quando ha iniziato ad affondare per sfuggire all’arresto.

Le isole Kerkenna sono un arcipelago della costa orientale della Tunisia e Chergui, la più grande delle sei isole dell’arcipelago, è grande 110 chilometri quadrati. Le isole si trovano a circa 15 chilometri dalla costa.

Nelle ultime ore c’è stato un altro naufragio al largo delle coste turche: il barcone trasportava 15 persone, ne sono morte nove persone tra cui sei bambini.

(AP Photo/Darko Bandic)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.