• Sport
  • lunedì 14 maggio 2018

Roberto Mancini è il nuovo allenatore dell’Italia

L'ex allenatore di Inter e Manchester City ha firmato un contratto con la FIGC

Roberto Mancini nel 2016 durante Inter-Empoli (Valerio Pennicino/Getty Images)

La Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) ha ufficializzato l’ingaggio di Roberto Mancini come commissario tecnico della Nazionale di calcio maschile. La sua nomina era data per certa da alcune settimane, dopo che tutti gli altri candidati principali — Ancelotti, Conte e Allegri — si erano chiamati fuori preferendo continuare a svolgere incarichi presso squadre di club. Mancini si radunerà con la squadra la prossima settimana presso il Centro tecnico federale di Coverciano, a Firenze, dove inizierà a preparare le prossime partite amichevoli in programma il 28 maggio a San Gallo, in Svizzera, contro l’Arabia Saudita, il primo giugno a Nizza contro la Francia e il 4 giugno contro l’Olanda a Torino in quella che potrebbe essere l’ultima partita con la Nazionale di Gianluigi Buffon.

Oltre ad essere ricordato come uno dei giocatori più forti del calcio italiano degli anni Novanta, Mancini è uno degli allenatori italiani più noti all’estero. Ha vinto il suo ultimo trofeo — la Coppa di Turchia — nel 2014 con il Galatasaray, squadra che ha allenato nella stagione 2013/2014. In carriera ha vinto tre volte la Serie A con l’Inter e una Premier League con il Manchester City, nel 2013. Nei suoi primi anni da allenatore vinse anche due Coppe Italia, con Fiorentina e Lazio, ripetendosi poi con l’Inter nel 2005 e nel 2006. Nell’ultimo anno ha allenato lo Zenit San Pietroburgo, con cui è arrivato quinto nel campionato russo.

La scelta dell’allenatore, nonostante i problemi che hanno portato l’Italia alla prima esclusione dai Mondiali negli ultimi sessant’anni vengano da lontano e richiedano tempo e riforme adatte, è una scelta fondamentale per ciò che riguarda l’aspetto tecnico della Nazionale: Mancini gestirà infatti un nuovo gruppo di giocatori e imposterà la direzione tecnica della squadra. A rendere complicato il suo lavoro ci sarà anche il ricambio generazionale. Gianluigi Buffon, Giorgio Chiellini, Andrea Barzagli e Daniele De Rossi sono in procinto di lasciare la Nazionale per questioni d’età. Ci sono molti calciatori promettenti fra le nuove generazioni, ma la maggior parte di loro non si può considerare ancora all’altezza. I giocatori vicino al picco della maturità calcistica e già da tempo nel giro della Nazionale, come Marco Verratti, Alessandro Florenzi, Jorginho e Andrea Belotti, devono ancora fare il salto di qualità definitivo. Una lacuna comune a tutta la squadra è infine la poca esperienza nelle coppe europee. Dalla prossima stagione l’Italia ritornerà però ad avere quattro squadre nella fase a gironi, e questo potrebbe essere di aiuto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.