Andrea Dovizioso esce dai box per la sessione di qualifiche (JAVIER SORIANO/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 6 Maggio 2018

La MotoGP torna in Europa

In Spagna, nel primo Gran Premio europeo del Motomondiale, Cal Crutchlow parte dalla pole position ma dietro di lui una decina di piloti punta al podio

Andrea Dovizioso esce dai box per la sessione di qualifiche (JAVIER SORIANO/AFP/Getty Images)

Il Gran Premio di Spagna di MotoGP si correrà questo pomeriggio sul circuito di Jerez de la Frontera, in Andalusia. Sarà il quarto Gran Premio del Motomondiale 2018, il primo in Europa dopo i tre corsi tra Asia e America. Le prime tre gare della stagione hanno avuto tre diversi vincitori, come non accadeva dal 2013. In testa al Mondiale c’è Andrea Dovizioso della Ducati, che però ha un solo punto di vantaggio sul campione del mondo in carica, lo spagnolo Marc Marquez, e cinque in più dell’altro spagnolo Maverick Viñales. Fino alla settima posizione, occupata da Valentino Rossi, il distacco è tale da poter essere colmato anche in una sola gara: insomma, siamo appena all’inizio ed è ancora tutto aperto.

A Jerez il pilota inglese Cal Crutchlow (Honda) partirà dalla pole position: nelle qualifiche ha fatto registrare il miglior tempo e nella griglia di partenza sarà in prima fila accanto allo spagnolo Dani Pedrosa (Honda) e al francese Johann Zarco (Yamaha). Dalla seconda fila partiranno invece Jorge Lorenzo (Ducati), Marc Marquez (Honda) e Alex Rins (Suzuki). I piloti italiani partiranno dalla terza fila in poi, con Andrea Iannone (Suzuki) settimo, Andrea Dovizioso ottavo e Valentino Rossi (Yamaha) decimo. Crutchlow ha fatto registrare il record della pista ma dalla seconda all’ottava posizione i piloti sono racchiusi in poco più di un decimo: si preannuncia un Gran Premio molto aperto, con gli spagnoli che cercheranno di fare il possibile per vincerlo.

Nelle qualifiche le Honda si sono dimostrate ancora una volta le moto con il miglior passo, e infatti sono andate ad occupare tre delle prime cinque posizioni. Le Ducati, dopo l’andamento altalenante delle prime gare, sembrano entrambe competitive e a detta dei loro due piloti possono giocarsela per il podio. Le Yamaha di Rossi e Viñales, invece, devono ancora risolvere dei problemi di assetto, soprattutto quelli relativi all’elettronica.

Il circuito di Jerez de la Frontera è stato costruito nel 1986 e si trova nel sud della Spagna. Dal 1986 al 1990 ospitò cinque edizioni del Gran Premio di Spagna di Formula 1, ma per via delle molte curve il circuito è considerato troppo lento per le auto di Formula 1 e più ideale per le moto. Il primo Gran Premio del Motomondiale a Jerez fu nel 1987 ed è dal 1989 che sul circuito si corre il Gran Premio di Spagna. Il pilota con più vittorie in MotoGP a Jerez de la Frontera è Rossi: sono sette. L’anno scorso qui ha vinto Dani Pedrosa, davanti agli altri due spagnoli Marc Marquez e Jorge Lorenzo. Il circuito è lungo 4,4 chilometri, con un rettilineo di oltre 600 metri, 5 curve a sinistra e 8 a destra. I piloti dovranno fare 27 giri, per un totale di quasi 120 chilometri.

Qui le informazioni per vedere in diretta il Gran Premio di Spagna.