Nel 2015 Trump si è scritto il suo certificato medico

Il suo ex medico personale ha detto che «Mi ha dettato l'intera lettera»

(Andrew Harrer-Pool/Getty Images)

In un’intervista a CNN, l’ex medico personale del presidente americano Donald Trump ha ammesso che di recente ha scritto un certificato medico sotto dettatura dello stesso Trump. «Mi ha dettato l’intera lettera. Non l’ho scritta io», ha raccontato il dottor Harold Bornstein.

La lettera era stata diffusa dal comitato elettorale di Trump nel dicembre 2015 dopo molte pressioni; nessun candidato alle elezioni presidenziali è obbligato a rilasciare informazioni personali sulla propria salute, ma tutti tendono a farlo, per prassi. Nel certificato rilasciato da Bornstein si leggeva che Trump «gode di una forza fisica straordinaria» e che in caso di elezione sarebbe diventato «l’individuo più in salute mai eletto».

I giornali la presero per buona perché Bornstein è un medico, e quindi teoricamente vincolato all’onestà dalla deontologia professionale. Ancora nel 2016, Bornstein aveva detto che il certificato era vero. Qualche mese fa il medico della Casa Bianca aveva visitato Trump e l’aveva comunque trovato in ottima forma. La Casa Bianca non ha ancora commentato le dichiarazioni di Bornstein.

Qualcuno si è ricordato che Trump aveva lasciato un indizio sulla scarsa affidabilità del certificato medico rilasciato nel 2015. Pochi giorni prima che fosse diffuso, aveva scritto su Twitter che sarebbe stato «perfetto».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.