• Media
  • lunedì 30 aprile 2018

57 giorni di governi fatti e disfatti

Il duro lavoro del titolista da prima pagina in tempi di crisi politica insuperabile: due mesi di colpi di scena mentre non succedeva quasi niente

L’attuale situazione politica italiana è molto incerta o poco incerta? Bella domanda. Le elezioni politiche del 4 marzo hanno creato un Parlamento in cui nessun partito o coalizione ha la maggioranza assoluta, cosa che in teoria apre molti scenari possibili e in pratica finora nessuno. Ma era un risultato scontato: tutti sapevano che sarebbe andata a finire così, compresi i giornali, che però salvo poche eccezioni hanno raccontato la campagna elettorale senza tenerne conto, come rimuovendolo. Dal voto del 4 marzo sono passati 57 giorni e l’Italia non ha ancora né una maggioranza né un governo, né sa dove andarla a cercare. Di nuovo, però, anche questo non è niente che non fosse ampiamente prevedibile e previsto, visto che i partiti che dovrebbero allearsi tra loro hanno passato gli ultimi anni a darsi letteralmente dei mafiosi, ladri, criminali, assassini, despoti, imbecilli, eccetera.

Bisognerebbe essere cauti e realisti, nel raccontare questa situazione bloccata e senza colpi di scena, ma le prime pagine dei giornali durante questi 57 giorni – e abbiamo guardato solo quelle, per non esagerare – non hanno saputo cedere a quelle rare abitudini dell’informazione contemporanea che sono la cautela e il realismo. Oltre che dare le notizie (ovvero vaghe e ondivaghe dichiarazioni di questo o quel leader, intanto che non succedeva niente) hanno avanzato – e presentato come decise, inevitabili, imminenti – continue ipotesi che notizie in realtà non erano, contraddicendosi a vicenda lo stesso giorno o addirittura contraddicendo se stessi nello spazio di poche ore, ed esaurendo più volte tutte le combinazioni di scenari possibili. Perché sia successo, potete immaginarlo: l’abitudine di pubblicare sedicenti retroscena senza alcuna verifica, la voglia di scrivere qualcosa di forte anche quando non ce ne sono le basi, la dipendenza dal titolo a effetto, la tentazione di non limitarsi a raccontare cosa sia successo bensì a dare per scontato cosa succederà (“verso il governo”, cosa vuol dire? E “Verso il voto”? E il centrodestra, quante volte si è “strappato”?).

Insomma, veniamo al dunque, e vediamo come i quotidiani italiani hanno raccontato questi complicati 57 giorni. Pronti? Cominciamo. È il 6 marzo, sono passate 48 ore dai risultati elettorali, e Repubblica la vede così: è il Movimento 5 Stelle che fa le “prove di governo”.

E infatti lo stesso giorno la Stampa dice: per fare il governo c’è Di Maio che cerca alleati nel PD.

Passa solo un giorno e il 7 marzo la Stampa aggiusta il tiro: “Di Maio non trova alleati a sinistra per il governo 5 Stelle”.

Il Giornale però non è convinto e l’8 marzo mette tutti in guardia: Mattarella vuole tagliare fuori il centrodestra con un governo M5S-PD. Come voglia farlo, non si capisce.

Occhio però perché lo stesso giorno, l’8 marzo, il Messaggero la vede completamente diversa: sarebbero in corso “prove di patto M5S-Lega”, almeno per la presidenza delle camere. Sappiamo che poi non succederà: il patto sarà sottoscritto tra il M5S e l’intero centrodestra. Ma proseguiamo, ché è ancora lunga.

Anche perché il 9 marzo la Verità dice che stiamo sbagliando tutto: ci sono dei “primi tentativi di inciucio”, ma sono tra M5S e PD. E ancora: “Toti è la carta segreta”. Oggi, che è il 30 aprile, possiamo dirvi che Toti non era la “carta segreta” di niente.

Passa solo un giorno e il Fatto ne dice un’altra ancora: Renzi e Berlusconi vogliono fare un governo insieme alla Lega. È il 10 marzo e abbiamo già esaurito le combinazioni possibili.

Sempre il 10 marzo, secondo la Stampa ci sono “prove d’intesa” tra Lega e Movimento 5 Stelle.

Arrivano quelli della Verità, l’11 marzo, a svelarci – per l’appunto – la verità: sarebbe in corso una “operazione governissimo”.

Colpo di scena però il 12 marzo, secondo il Giornale: strappo di Salvini contro Forza Italia.

Sembra una cosa grossa, eppure sulla Stampa non se ne parla: e si racconta invece che Di Maio vuole fare “un governo senza politici”.

Ma non un governo istituzionale, eh! Ce lo ricorda il giorno dopo, il 13 marzo, il Corriere della Sera.

Fortunatamente arriva di nuovo la Verità a darci la linea: non c’è più l'”operazione governissimo” all’orizzonte, ma un nuovo voto. Cosa ne è stato allora dell'”operazione governissimo”? Non fateci stare in pensiero.

Eppure le cose continuano a muoversi: il 15 marzo “Silvio strizza l’occhio a Di Maio”, scrive Libero.

Sempre il 15 marzo, però, Berlusconi secondo il Mattino era molto arrabbiato per l'”asse Lega-M5S” (qui è dove vi ricordiamo che oggi è il 30 aprile e di questo “asse” per il governo manco l’ombra).

È sempre il 15 marzo: lo stesso giorno, nello stesso paese, sullo stesso pianeta. Secondo il Messaggero la notizia di oggi è un’altra: c’è uno “spiraglio PD”.

Buongiorno. È ancora il 15 marzo. Altro che “spiraglio PD”, dice Repubblica: Lega e M5S fanno addirittura “prove di governo”.

La Stampa è d’accordo: “Svolta Lega-M5S per il governo”. Dai che ci siamo!

Passano dei giorni in cui continua a non accadere niente di rilevante, come nel periodo precedente, ma i quotidiani trovano fortunatamente altre notizie con cui aprire le loro prime pagine. Ci eravamo lasciati il 15 marzo con Lega e M5S a un passo dal governo, ricordate? Ora è il 21 marzo e Berlusconi dice: vengo anch’io!

Col cavolo, scopriamo il 24 marzo, chi lo avrebbe mai detto: “Salvini strappa”, scrive il Corriere, aggiungendo nel sommario che “Esplode il centrodestra”. Esplode!

Anche il Giornale è d’accordo: “esplode il centrodestra”.

Si saranno messi d’accordo? Anche Repubblica scrive che “esplode il centrodestra”. È il 24 marzo. Ricordiamo che oggi è il 30 aprile e il centrodestra non è mai esploso (ogni dissidio fu smentito poche ore dopo l’uscita di quei titoli in edicola).

Ormai ci siamo, avremo prestissimo un governo, ma qualcosa non si capisce: è passato solo un giorno dal momento in cui secondo Repubblica era “esploso il centrodestra” e improvvisamente sempre Repubblica scrive che il governo “destra-M5S” ha la “strada spianata”. È il 25 marzo.

26 marzo, forse la strada non è poi così spianata. C’è un “duello” e c’è anche un “primo scoglio”, scrive sempre Repubblica. Ora comunque si parla di nuovo solo di Lega e non di tutto il centrodestra.

27 marzo, la “strada spianata” è diventata “avanti piano”. Come passa il tempo.

Altro che “avanti piano”, scrive il Messaggero il 28 marzo. Il governo è “lontano”. E noi che ci avevamo creduto che fosse dietro l’angolo.

Anche Repubblica si arrende il 28 marzo. Il governo che secondo loro aveva la “strada spianata” non esiste più, tanto che “Di Maio sonda il PD” per via dei troppi veti.

Il 30 marzo la Stampa sale sullo stesso treno: il Movimento 5 Stelle punta a una “intesa col PD”.

Dove eravate rimasti? È il 3 aprile e per Repubblica “regge il dialogo Di Maio-Salvini”. Ma come, non si era fermato per i troppi veti? Di Maio non guardava al PD? Non fate domande.

Anche perché ricomincia il giro: 4 aprile, “mossa di Di Maio”. Sarà stato un post su Facebook.

5 aprile, la Stampa dice: ma quale mossa e mossa, “cresce l’ipotesi voto bis”.

6 aprile, Repubblica dice: ma quale voto bis, è “più vicino il governo 5S-Lega”. Abbiamo il mal di mare.

Sempre il 6 aprile la Stampa riferisce un presunto dato di cronaca: il centrodestra, che come ricorderete è già “esploso” un paio di volte, si è rotto di nuovo.

7 aprile, giorno dispari, “Lega-M5S, freno all’intesa”, secondo il Corriere.

Quel giorno lì secondo Repubblica Renzi ha addirittura cambiato idea, è “la svolta”.

8 aprile, il Messaggero invita tutti a un bagno di realtà: non ci sono freni che tengano, “A Di Maio non resta che Salvini”.

Eppure il 10 aprile Repubblica scrive di uno “strappo” tra Salvini e Di Maio. Li avete contati gli “strappi”? A quanti siamo? Più “strappi” o più “svolte”? C’è un limite massimo?

Bastava avere soltanto un po’ di pazienza. È il 12 aprile e il Corriere della Sera racconta che “torna l’asse” tra Salvini e Di Maio. Eravamo in pensiero.

Repubblica aggiunge: “Di Maio toglie il veto a Forza Italia”.

Proprio quando tutto sembrava di nuovo più chiaro, il Dubbio tiene fede alla sua testata e dice che non stiamo tenendo conto dell’ipotesi Giampaolino.

Ma quale Giampaolino, scrive il Mattino il 13 aprile: è Giorgetti che dovete tenere d’occhio.

Buongiorno, è sempre il 13 aprile e “Lega e 5 Stelle non trovano l’intesa”. E noi che ci avevamo sperato.

Altro giro, altra corsa: il 14 aprile la strada più probabile secondo il Messaggero è “la carta del governo di tutti”.

Sempre il 14 aprile la Stampa scrive che ci sono “cinque nomi per l’incarico”.

Avete fatto male i conti, scrive Repubblica: i nomi sono quattro.

La Stampa il 15 aprile decide di cambiare cavallo: ora la strada più probabile è “l’ipotesi di un governo del presidente”.

Lega e Movimento 5 Stelle stanno ancora duellando, scrive il Corriere, eppure ricordate che avevano la “strada spianata”? Nel frattempo un sommario parla di “centrodestra unito” e ci ricorda che alla fine quella storia del “centrodestra esploso” era una balla.

16 aprile. “Aria di rottura” tra Salvini e Di Maio. Ahia.

Tanto che Di Maio, oplà!, “riapre al PD”. Dovremmo essere alla quinta o sesta riapertura, abbiamo perso il conto.

Cresce l’ipotesi Fico, dice la Stampa mentre Mattarella affida il mandato esplorativo a… Casellati.

Di Maio-Salvini, che Repubblica aveva dato più volte per promessi sposi, ora sono protagonisti di “un altro flop”.

Meno male che arriva la Verità, il 20 aprile: “più vicino il governo con il centrodestra”. Che quindi non è esploso nemmeno stavolta! Dai che ci siamo!

Eh no. 21 aprile, Corriere della Sera, tenetevi forte: “strappo nel centrodestra”. Si avverte una strana sensazione di déjà-vu.

Divorzio vicino tra Berlusconi e Salvini, scrive il Messaggero.

Sempre il 21 aprile la Stampa fa un passo avanti e si sbilancia: Di Maio e Salvini “verso il governo”! Qui è dove vi ricordiamo che oggi è il 30 aprile e Di Maio e Salvini non sembrano affatto diretti “verso il governo”.

La Verità spariglia di nuovo: il centrodestra “brucia”, ma “Berlusconi riapre il forno del PD”. E poi: “si va verso un governo tra 5 Stelle, Lega e (forse) Fdi?”.

Ricapitolando, quindi, sabato 21 aprile sono quasi tutti abbastanza d’accordo sul fatto che Salvini e Di Maio governeranno insieme e il centrodestra è “esploso”, ancora una volta. La Stampa, come ricordate, è il giornale che si sbilancia di più. Sempre la Stampa, però, il 23 aprile: “Di Maio guarda al PD”. Ma come?!

“Fico sonda il PD”, e certo che Salvini si arrabbia: avrà letto i giornali, pensava fosse fatta.

Titolo bellissimo del Corriere della Sera: “PD-M5S, spiragli e tensioni”. C’è la guerra e c’è la pace. È vivo ed è morto. È gol ma è anche fuorigioco. Fa caldo e fa freddo. Vale tutto.

Movimento 5 Stelle e PD si parlano, scrive il Fatto. È il 25 aprile.

Movimento 5 Stelle e PD non si parlano più, scrive la Stampa. È ancora il 25 aprile.

“Il PD si divide” – che il Corriere sceglie per il 26 aprile – è un altro titolo in cui rifugiarsi quando la situazione è incerta: torna comodo il fatto che effettivamente il PD sia sempre diviso su qualcosa.

Attenzione però, colpo di scena. Passa un giorno, stesso giornale: “PD e 5 Stelle avanti tra i dubbi”. È il 27 aprile.

È sempre il 27 aprile: “M5S e PD provano a trattare”.

Macché, è “guerra” tra M5S e PD, scrive Repubblica. Ed è sempre il 27 aprile eh. E “torna il rischio delle elezioni”.

E infatti c’è un’altra capriola: la Stampa è di nuovo sicura che Salvini dirà “addio a Silvio per il governo”. È sempre il 27 aprile. Solidarietà ai titolisti, stremati.

Il Mattino spariglia. A Lattanzi non ci avevate pensato, confessate.

La Stampa, che il 27 aprile raccontava di come Salvini avrebbe mollato Berlusconi – anzi, “Silvio” – per andare al governo con il M5S, il 29 aprile titola invece sul “ritorno al voto”, non fosse per l’ostacolo della legge elettorale.

Sempre la Stampa, oggi, 30 aprile: il centrodestra scavalca Di Maio e chiederà l’incarico per Salvini.

Dai che domani si ricomincia. Alla fine sono passati solo 57 giorni.

Mostra commenti ( )