• Mondo
  • giovedì 19 aprile 2018

Il governo francese ha confermato che il comandante libico Khalifa Haftar è ricoverato in Francia

Il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha confermato che il comandante dell’Esercito nazionale libico Khalifa Haftar è ricoverato in un ospedale vicino a Parigi, e ha aggiunto che le sue condizioni di salute stanno migliorando. Alcuni media francesi hanno detto che Haftar si trova nell’ospedale militare di Val-de-Grâce. Una settimana fa, e per un paio di giorni, sui giornali italiani si era diffusa la notizia che Haftar fosse morto; notizia mai confermata ufficialmente e poi smentita dai famigliari e da altre fonti libiche.

Non è chiaro quali siano le condizioni di salute di Haftar. Un suo portavoce ha negato che sia stato ricoverato per un infarto e ha detto che le sue condizioni di salute sono buone. Un diplomatico europeo citato da al Jazeera e rimasto anonimo ha sostenuto però che Haftar abbia subìto danni permanenti al cervello.

Haftar, 75 anni, è stato uno dei principali alleati dell’ex dittatore Muammar Gheddafi, prima di cadere in disgrazia e scappare negli Stati Uniti. Dopo la rimozione di Gheddafi, Haftar ha assunto il controllo dell’est del paese, stabilendo a Bengasi la sede dell’Esercito nazionale libico, l’organizzazione militare da lui fondata per combattere contro i miliziani islamisti. Oggi ha il sostegno della Russia, dell’Egitto e dell’Arabia Saudita. Il suo obiettivo è prendere il controllo di tutta la Libia, nonostante i tentativi di mediazione della comunità internazionale, che vorrebbe si sottomettesse al governo di Tripoli.

Khalifa Haftar (AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.