• martedì 17 aprile 2018

Vent’anni senza Linda McCartney

Fu fotografa, musicista, attivista per i diritti degli animali e infine moglie-di, in soli 56 anni

(AP Photo/Staff/Rider)

Vent’anni fa oggi moriva Linda McCartney, fotografa, musicista, attivista per i diritti degli animali e infine moglie di Paul McCartney. Linda McCartney morì qualche anno dopo aver scoperto di avere un cancro al seno: aveva solo 56 anni ma nella sua vita era già stata un mucchio di cose.

Nata da un impresario e un’ereditiera di un’azienda di supermercati, aveva poco più di vent’anni quando diventò famosa come fotografa. Mentre lavorava da receptionist per una rivista, riuscì a imbucarsi a una festa privata dei Rolling Stones scattando foto poi circolate ovunque. Da lì in poi seguì diverse band e artisti celebri in tour. Nel maggio del 1968, quando aveva 26 anni, diventò la prima fotografa a pubblicare sulla copertina di Rolling Stone, cioè la più famosa rivista dell’epoca: il soggetto era Eric Clapton.

McCartney conobbe il suo futuro marito al party promozionale per l’uscita di Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, uno dei dischi più famosi dei Beatles. Si sposarono il 12 marzo del 1969 ed ebbero tre figli: Mary, Stella e James. Di lei e Paul McCartney, si diceva fossero inseparabili: oltre a suonare insieme negli Wings – la band che mise in piedi suo marito Paul una volta uscito dai Beatles – un aneddoto riportato da Rolling Stone racconta che hanno dormito insieme ogni giorno del loro matrimonio, tranne un breve periodo di dieci giorni in cui Paul fu detenuto in un carcere giapponese per possesso di marijuana.

Linda e Paul McCartney erano anche la coppia di vegetariani più famosa al mondo: nel 1995 comparvero insieme in una delle puntate più famose dei Simpson, quella in cui Lisa decide di diventare vegetariana.

Ogni tanto la sua collezione di foto viene esposta in giro per il mondo. Alcuni dei suoi lavori sono invece ospitati dalla collezione permanente della Benrubi Gallery di New York.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.