• Cultura
  • mercoledì 11 aprile 2018

Venezia e non solo, nelle foto di Fulvio Roiter

Fino ad agosto alla Casa dei Tre Oci a Venezia si può visitare la retrospettiva del fotografo italiano


Fino al prossimo 26 agosto, alla Casa dei Tre Oci della Giudecca, a Venezia, sarà possibile visitare una mostra su Fulvio Roiter, famoso fotografo veneziano morto il 18 aprile del 2016 a 89 anni. La mostra – intitolata Fulvio Roiter. Fotografie 1948/2007 – ne ripercorre il lavoro attraverso nove sezioni in cui sono esposte circa duecento immagini, insieme a video, libri e commenti di critici ed esperti che hanno parlato delle sue fotografie, come Andrea Zanzotto, Italo Zannier, Alberto Moravia e Enzo Biagi.

Roiter nacque a Meolo, comune in provincia di Venezia, l’1 novembre del 1926. Si diplomò come perito chimico e si dedicò alla fotografia dal 1947, rendendola il suo lavoro dal 1953. Divenne famoso soprattutto per i ritratti ai paesaggi italiani, e in particolare quelli scattati a Venezia — città in cui visse e dove morì — e alla laguna veneta. Nel 1956 vinse l’importante premio Nadar – assegnato a libri fotografici pubblicati in Francia – con il libro Umbria. Terra di San Francesco (Ombrie. Terre de Saint-François). Il lavoro per cui è più conosciuto è però Essere Venezia, pubblicato nel 1977. Nella mostra in corso alla Giudecca c’è spazio anche per i suoi viaggi, che lo hanno portato a fotografare in varie regioni d’Italia, oltre che in Spagna, Stati Uniti, Belgio, Portogallo e Brasile.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.