Google proibirà le pubblicità delle criptovalute

Google ha annunciato mercoledì che a partire da giugno proibirà le pubblicità delle criptovalute sulle proprie piattaforme di inserzioni, seguendo la decisione presa da Facebook lo scorso gennaio. Google ha detto che saranno vietate anche le pubblicità di opzioni binarie (cioè contratti che permettono di scommettere sull’andamento di un certo titolo) e in generale dei prodotti finanziari speculativi o non regolati. A essere diffuse su Google sono soprattutto le pubblicità delle ICO, cioè le Initial Coin Offering, le operazioni con le quali chi mette sul mercato una nuova criptovaluta mette in vendita le singole unità per raccogliere finanziamenti.

Con la grande diffusione ed espansione del mercato delle criptovalute negli ultimi mesi, ci sono state diverse truffe che hanno fatto perdere anche molti soldi agli investitori più inesperti: una delle più recenti è stata quella che ha coinvolto BitConnect, un sito per scambiare criptovalute che è stato chiuso perché sospettato di essere una truffa strutturata su uno schema Ponzi.

(JOHN MACDOUGALL/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.