(Vincenzo Livieri - LaPresse)

Dario Franceschini dice che bisogna fare un governo con dentro tutti

E poi fare una nuova legge elettorale e una riforma della Costituzione: vi ricorda niente?

(Vincenzo Livieri - LaPresse)

Dario Franceschini, dirigente del PD e ministro dei Beni Culturali, ha detto oggi in un’intervista al giornalista del Corriere della Sera Aldo Cazzullo che bisogna fare un governo che includa tutte le forze parlamentari e che questo governo dovrebbe rimanere in carica il tempo sufficiente per fare due cose: riformare la Costituzione e scrivere una nuova legge elettorale. Secondo Franceschini:

La soluzione naturale è fermarsi e scrivere insieme le nuove regole di cui l’Italia ha bisogno. La debolezza per cui nessuno ha la maggioranza può diventare un punto di forza per fare riforme condivise. Approvate riforma costituzionale e nuova legge elettorale, si può tornare a votare. Chiunque vinca troverà un sistema che funziona.

Franceschini è uno dei dirigenti più importanti del PD, capo di una numerosa corrente interna al partito e, fino a non molto tempo fa, considerato un alleato di Renzi (oggi invece i rapporti sono un po’ incrinati). La settimana scorsa Franceschini era stato accusato di voler fare un accordo parlamentare per sostenere il Movimento 5 Stelle e lui aveva smentito seccamente. Nell’intervista a Cazzullo ha spiegato di essere a favore di una soluzione diversa: non un governo di una parte appoggiato con i voti del PD, ma un governo “istituzionale” con la più ampia partecipazione possibile da parte di tutte le forze parlamentari.

È una formula molto vaga e che ha molti sinonimi, come “governo del presidente” e “governo di scopo”, ed era già stata usata ampiamente nel 2013, quando la situazione era simile a quella di oggi con un Parlamento che non sembrava in grado di formare una maggioranza. Allora, come fa oggi Franceschini, in molti dissero che bisognava formare un governo di larghe intese per approvare una riforma della Costituzione e una nuova legge elettorale.

Quello che sembra auspicare Franceschini è in sostanza un governo senza una forte connotazione politica, composto da figure di secondo piano e gradite o almeno non sgradite a tutti i partiti. Questo governo debole dovrebbe rimanere in carica solo il tempo necessario a svolgere un numero limitato di compiti. Secondo Franceschini: legge elettorale e riforma costituzionale, due dei provvedimenti più complessi e difficili da realizzare che si possano immaginare.

Al momento, gli unici due partiti che sembrano contemplare questa ipotesi sono il PD e Forza Italia, o almeno una sua parte. Anche i pochi parlamentari di Liberi e Uguali e degli altri partiti centristi potrebbero essere a favore. Il problema è che, anche nella migliore delle ipotesi, questa alleanza non ha i numeri per governare. Per formare il governo che ha in mente Franceschini servirebbe l’appoggio della Lega o del Movimento 5 Stelle, ma sia Matteo Salvini che Luigi Di Maio hanno escluso la loro partecipazione a eventuali “governi istituzionali”.

L’unica possibilità per formare il governo che ha in mente Franceschini è che un numero significativo di parlamentari leghisti o del Movimento 5 Stelle decidano di lasciare il loro partito per dare il voto al nuovo governo di scopo. Se anche succedesse, però, difficilmente il nuovo governo avrebbe i numeri per approvare una riforma costituzionale con i due terzi dei voti necessari a evitare un referendum come quello del 4 dicembre 2016, e anzi avrebbe probabilmente una maggioranza molto risicata. Le riforme, quindi, rischiano di essere approvate a maggioranza semplice come avvenne nella scorsa legislatura e senza le larghe intese che auspica Franceschini.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.