Cosa trovate a Mia Photo Fair 2018

Cioè la fiera dedicata alla fotografia d’arte di Milano, con foto da guardare e comprare fino al 12 marzo

Siwa Mgoboza, Les Etres d'Africadia I: Serpentina Jonza, 2015, C-print on cotton paper, 144 cm x 180 cm (Framed: 156.2 cm x 194 cm), Edition: 1 out of 5 in large format

Inizia oggi l’ottava edizione di Mia Photo Fair (Milan Image Art Fair), la fiera dedicata alla fotografia d’arte di Milano che si potrà visitare fino al 12 marzo a The Mall, nel quartiere di Porta Nuova.

La fiera è dedicata a fotografie di autori italiani e internazionali, affermati o emergenti, ed è un’occasione non solo per guardare le foto ma anche per comprarle a prezzi – come spiegava la photoeditor Renata Ferri qualche anno fa – che vanno “dall’accessibile al capogiro con spregiudicata destrezza”. Si possono visitare gli stand di 130 espositori, tra cui 90 gallerie (e 37 dall’estero, il doppio rispetto alla scorsa edizione).

Tra le fotografie da segnalare ci sono quelle del progetto Joie de Vivre di Letizia Cariello: ha vinto il premio della banca BNL Gruppo BNP Paribas, sponsor della fiera, che ogni anno sceglie il migliore tra gli artisti partecipanti alla manifestazione. Nel progetto Cariello prende delle fotografie di una coppia e dei loro amici a Saint Tropez negli anni Sessanta e le trasforma in qualcosa di diverso inserendoci oggetti, smalto rosso, ricami. Quest’anno l’offerta presenta anche quattro focus geografici: sull’Ucraina, le Isole Baleari, l’Africa e Cuba, con artisti provenienti dai rispettivi paesi.

Oltre a guardare o comprare le foto, si può anche partecipare a diversi incontri culturali con esperti del settore e del collezionismo: trovate il programma completo qui, sul sito del festival, mentre qui sopra una selezione di alcune delle fotografie che potrete vedere.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.