• Mondo
  • venerdì 9 marzo 2018

Kim Jong-un e Donald Trump si incontreranno

Entro maggio, per discutere della denuclearizzazione della Corea del Nord: uno sviluppo sorprendente nelle relazioni tra i due paesi, su cui però in molti sono scettici

Il direttore della sicurezza nazionale sudcoreana Chung Eui-yong, uno dei diplomatici che hanno incontrato Kim Jong-Un a inizio settimana, parla con i giornalisti dopo l'incontro di ieri con Donald Trump a Washington (AP Photo/Andrew Harnik)

Il dittatore nordcoreano Kim Jong-un e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si incontreranno entro i prossimi due mesi per discutere un programma di denuclearizzazione della Corea del Nord. L’invito è stato fatto da Kim Jong-un e recapitato a Trump da due diplomatici sudcoreani, che tra lunedì e martedì hanno incontrato il dittatore nordcoreano e che ieri, giovedì 8 marzo, sono arrivati negli Stati Uniti per riferire a Trump i contenuti dei loro colloqui. Se l’incontro si farà, sarà un enorme passo in avanti nella diplomazia tra due paesi che negli ultimi 12 mesi si sono reciprocamente minacciati di attacchi militari e nucleari.

Il segretario di Stato Rex Tillerson ha detto che l’offerta nordcoreana è stata una «sorpresa» e che adesso ci vorranno alcune settimane per organizzare l’incontro. Che la Corea del Nord avesse fatto delle aperture rispetto a una rinuncia al suo programma nucleare militare era già stato anticipato martedì dal presidente sudcoreano Moon Jae-in, poche ore dopo il ritorno nel paese dei diplomatici che avevano incontrato Kim. Uno di loro, Chung Eui-yong, dopo l’incontro di ieri alla Casa Bianca ha detto che Kim Jong-un aveva «espresso la sua volontà di incontrare il presidente Trump il più presto possibile», spiegando che Trump aveva accettato di «incontrare Kim Jong-un entro la fine di maggio per arrivare a una completa denuclearizzazione».

Donald Trump ha commentato la notizia su Twitter, dicendo: «Kim Jong-un ha parlato con gli emissari sudcoreani di denuclearizzazione, non di un semplice congelamento [del programma nucleare]. Inoltre, non ci saranno test missilistici durante questo periodo di tempo. È un grande progresso, ma le sanzioni rimarranno in vigore fino a che non sarà raggiunto un accordo. Stiamo organizzando l’incontro!».

Dopo mesi di reciproche minacce di attacchi militari e insulti tra i due leader, l’apertura diplomatica di questa settimana ha sorpreso molti esperti, anche se qualche segnale positivo c’era stato con la riapertura dei colloqui di pace tra Corea del Nord e Corea del Sud, la partecipazione della Corea del Nord alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang e l’incontro tra la sorella di Kim Jong-un, Kim Yo-jong, e il presidente sudcoreano Moon Jae-in.

Il fatto che si sia immediatamente discusso di un incontro tra Kim e Trump resta comunque inusuale: incontri diretti tra i leader di due paesi impegnati in complesse trattative diplomatiche arrivano di solito alla fine dei colloqui. Se da una parte la Corea del Nord sembra aver pianificato la sua strategia diplomatica minuziosamente, con un approccio per gradi che è arrivato dopo alcuni mesi a questo punto, non si può dire lo stesso degli Stati Uniti, che sembrano aver agito molto d’impulso. Il New York Times ha scritto che Trump tuttavia ha subito accettato con entusiasmo l’invito di Kim, anticipando anche il suo incontro con gli emissari sudcoreani una volta che aveva saputo del loro arrivo a Washington e invitandoli a comunicare immediatamente la notizia alla stampa al termine del loro incontro.

Quello tra Kim Jong-un e Donald Trump sarebbe il primo incontro in assoluto tra un presidente degli Stati Uniti in carica e un leader nordcoreano, e se portasse davvero alla fine del programma nucleare nordcoreano sarebbe di importanza storica. Molti esperti hanno tuttavia espresso scetticismo su questo possibile risultato: sia il consigliere per la politica estera asiatica di George W. Bush che quello di Barack Obama hanno detto che probabilmente Kim sta solo cercando un modo di aggirare le sanzioni e che sedersi al tavolo con lui senza ottenere niente in cambio lo legittimerebbe, mettendolo in una posizione di forza. Altri hanno invece notato la Corea del Nord non abbia parlato di interrompere il suo programma nucleare durante la trattative, ma solo i test missilistici, spiegando che questa potrebbe essere un’indicazione delle reali intenzioni del paese. Dalla Casa Bianca, tuttavia, i consiglieri di Trump hanno mostrato ottimismo, spiegando che le abilità del presidente nelle negoziazioni potrebbero fare la differenza.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.