• Italia
  • giovedì 8 marzo 2018

La notizia della “raffica di richieste” di reddito di cittadinanza è stata grandemente esagerata

Non c'è stata nessuna "fila" e nessun "assedio" ma solo le esagerazioni di qualcuno, giornali compresi

Circolano da stamattina articoli secondo cui sarebbe in corso un “assedio a comuni e Caf” da parte di cittadini desiderosi di ottenere il reddito di cittadinanza promesso dal Movimento 5 Stelle durante la campagna elettorale. A parlare di “assedio” è stata la Gazzetta del Mezzogiorno, la prima a far circolare la notizia, mentre Repubblica ha parlato di “raffica di richieste” – un titolo precedente diceva “presi d’assalto” – e altri hanno parlato di “code”. È una notizia falsa, almeno se descritta in questi termini.

Gli articoli si basano soprattutto su quanto raccontato dal sindaco di Giovinazzo, comune in provincia di Bari, e da un dirigente di un centro per l’impiego della città metropolitana di Bari: e già soltanto il fatto che tutte queste presunte testimonianze su code e assedi ai Caf venissero soltanto da un posto in Italia avrebbe dovuto invitare allo scetticismo (il Fatto ipotizza che c’entri la nota vicinanza al PD di alcuni protagonisti di questa storia). Repubblica ha intervistato una dipendente di un Caf che ha parlato di “poco meno di una cinquantina di persone”, che certo non sono un “assedio” né una “raffica”.

Come scrive il Fatto, “la consulta nazionale dei Caf ha smentito categoricamente ogni tipo di ricostruzione, parlando al contrario di casi isolati, di numeri irrilevanti e di nessuna coda ad hoc ai loro sportelli”; e qualche ora dopo la grande circolazione dell’articolo della Gazzetta del Mezzogiorno, che riferiva di cinquanta persone in due giorni che avrebbero “chiesto i moduli per ottenere il reddito di cittadinanza”, le stesse persone che avevano fornito la prima testimonianza hanno ritrattato. Il sindaco di Giovinazzo, Tommaso Depalma, si è corretto e ha detto che “sono venute 4 o 5 persone lunedì ai servizi sociali”. La consulta nazionale dei Caf, sentita dal Fatto, ha aggiunto:

“Non ci risulta – ha spiegato – un fenomeno diffuso di richieste di reddito di cittadinanza ma questa notizia ci dice che i Caf sono un presidio per i cittadini. C’è stato invece un forte incremento delle richieste di Isee (l’indicatore della situazione economica) per ottenere il reddito di inclusione. A gennaio – dice – l’aumento è stato del 30%”. Sulla stessa linea Mauro Soldini: “Code? Evidentemente sono quelle per le richieste di Isee. Abbiamo verificato, non c’è nessun fenomeno: ci risulta solo un caso isolato in provincia di Bari, ma si parla davvero di poche persone“.

È stato segnalato qualche caso isolato del genere in Basilicata e nient’altro. Il reddito di cittadinanza promesso dal Movimento 5 Stelle, per la cronaca, non è un reddito di cittadinanza.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.