Come il porno influenza la sessualità degli adolescenti

Lo racconta un lungo e documentato articolo del New York Times Magazine, partendo dal sesso anale e arrivando alla confusione sul piacere femminile

In media negli Stati Uniti gli adolescenti maschi entrano in contatto con la pornografia intorno ai 13 anni, le femmine intorno ai 14. Secondo una ricerca dell’Università del New Hampshire, già nel 2008 il 93 per cento degli studenti universitari maschi diceva di aver visto del porno quando era minorenne, così come il 62 per cento delle studentesse. Nel 2016 Emily Rothman, docente alla Scuola di salute pubblica all’Università di Boston, condusse una ricerca intervistando liceali tra i 16 e i 17 anni: scoprì che per la maggior parte di loro la pornografia era la fonte principale di informazioni sul sesso. Non ci sono dati italiani altrettanto recenti e affidabili, ma con una certa cautela si può ipotizzare che potrebbero essere piuttosto simili a quelli registrati negli Stati Uniti.

Da qualche anno nei paesi in cui la ricerca sulle abitudini sessuali delle persone e in particolare degli adolescenti è più avanzata si sta studiando come l’enorme disponibilità di pornografia online stia influenzando il modo in cui i minorenni concepiscono la propria sessualità e quella dei propri partner, e le conseguenze pratiche di queste percezioni. Maggie Jones ha raccontato a che punto siamo con queste ricerche in un lungo articolo sul New York Times Magazine, intervistando esperti, educatori e adolescenti.

Di cosa si parla
Il tema principale è la differenza tra il sesso mostrato nella pornografia mainstream e il sesso vero, diciamo. Per pornografia mainstream si intende quella disponibile su siti come Pornhub e YouPorn, che contengono milioni di video, da quelli amatoriali a quelli delle più grandi case di produzione. Questa pornografia non rientra nelle categorie “estreme”, cioè dichiaratamente sadomasochiste, feticiste, o generalmente kinky, cioè bizzarre, né è la pornografia più consapevole e femminista che da qualche anno sta costruendosi una sua nicchia online: è quella che consumano quotidianamente milioni di persone nel mondo, e più facilmente accessibile agli adolescenti. Il sesso che mostra questo tipo di pornografia è irrealistico e spesso completamente incentrato sul punto di vista maschile, violento e dominante, umiliante per le donne. Soprattutto, nella maggior parte dei casi mostra due persone alle prese con un lavoro meccanico, e non con un atto che provoca piacere.

Oltre a essere un tipo di sesso difficilmente replicabile nella vita quotidiana – perché dal punto di vista meccanico e biologico non è fedele a quello che possono praticare i corpi delle persone con fisici normali – è soprattutto un sesso che risulterebbe sgradevole a moltissime donne – e anche a molti uomini – che non si sentono a proprio agio o non condividono questo tipo di approccio violento e asimmetrico all’intimità sessuale.

C’è anche un altro tema: sui grandi siti di porno gratuito, quelli quindi più accessibili agli adolescenti, c’è un’enorme offerta di video amatoriali e di produzioni sconosciute e a bassissimo costo, che quindi non rispondono nemmeno ai già bassi requisiti etici dei video prodotti dalle delle grandi case pornografiche. Non ci sono garanzie sul modo in cui rappresentano temi come il consenso, il sesso violento o pratiche degradanti. In molti casi, questi temi sono rappresentati in maniera discutibile; in moltissimi altri, in un modo potenzialmente pericoloso.

La questione non è tanto se il porno stia creando una generazione di ragazzi violenti, né se li stia rendendo più precoci: i dati dicono anzi che gli adolescenti arrestati oggi per reati sessuali sono meno di prima e in generale gli adolescenti in media fanno sesso più tardi, almeno negli Stati Uniti. Ma come spiega Jones, l’impatto della pornografia online tra le nuove generazioni è interessante soprattutto per come sta plasmando il modo in cui gli adolescenti concepiscono il sesso, per come ne parlano, e i collegamenti di questi temi con l’idea di mascolinità, di femminilità, di intimità e di potere.

Il ruolo dell’educazione sessuale
Il protagonista dell’articolo di Jones è Drew, un ragazzo sedicenne che ha visto le prime scene di sesso in televisione intorno agli otto anni, e che da un anno visita siti porno sul proprio smartphone.

I video vanno bene per masturbarsi, mi dice, ma sono anche fonte di ispirazione per posizioni sessuali con le proprie future ragazze. Dal porno ha imparato che gli uomini devono essere esperti e dominanti a letto, fare cose come girare le ragazze a pancia in giù durante il sesso. Le ragazze gemono molto e si eccitano più o meno per tutto quello che fa un ragazzo sicuro di sé. Una scena in particolare lo aveva colpito: una donna annoiata da un uomo che aveva un approccio gentile al sesso, ma che si eccitava con un uomo molto più aggressivo.

 Jones ha parlato con Drew insieme a Q., un ragazzo vergine e di un anno più giovane, che le ha raccontato di essere confuso non solo dal porno ma anche da meme e immagini sui social media. Ha citato la gif di un uomo che sbatte una donna contro un muro, accompagnata dalla scritta “Voglio un uomo così”, o le immagini sulla “stanza del dolore” di Cinquanta sfumature di grigio (in cui i due protagonisti praticano sesso sadomaso). Ma Q. ha detto di essere turbato dai porno anche per le conseguenze sulla sua ansia da prestazione: «Guardi un adulto, tipi muscolosi e dominanti e con dei peni grossi, che durano un sacco di tempo». Q. si è detto preoccupato che se non fosse stato come gli attori nei porno non sarebbe stato apprezzato dalle ragazze.

Il problema degli esempi diseducativi della pornografia verso gli adolescenti potrebbe essere confuso con altri vecchi discorsi simili, per esempio sulla violenza nei videogiochi. C’è però una enorme differenza tra le due cose: mentre la maggior parte dei ragazzi sono educati a non essere violenti, a scuola e a casa, l’educazione sessuale è molto più scarsa, approssimativa, antiquata e spesso in mano a persone senza competenze. Questo quando c’è: ci sono infatti molti paesi in cui l’educazione sessuale non è obbligatoria per legge, e l’Italia è uno di questi.

Anche negli Stati Uniti ci sono 26 stati nei quali non è obbligatorio insegnare educazione sessuale, e sono soltanto 13 quelli in cui deve essere scientificamente accurata. L’amministrazione Obama era riuscita a promuovere un’educazione sessuale più consapevole e ampia nelle scuole, ma Trump ha eliminato i fondi per questi programmi nel budget del 2018 e anzi ne ha richiesti di più per quelli che si basano sulla promozione dell’astinenza, che rimangono la norma negli Stati Uniti.

È difficile poi che i ragazzi parlino di pornografia con i genitori, che per lo più mostrano una certa ingenuità quando rispondono alle domande sui propri figli: la metà dei genitori di ragazzi che guardano porno crede che i propri figli non lo facciano, secondo un sondaggio su 300 ragazzi e altrettanti genitori condotto dall’Università di Indiana.

La facilità di reperire porno online ha quindi sopperito alla scarsità di educazione sessuale, ma con delle conseguenze. Drew e Q. hanno raccontato a Jones di conoscere le basi del tema del consenso, ma di essere insicuri su come fare praticamente ad accertarsi della volontà di una ragazza di provare qualcosa che riguardi il sesso. Hanno poi detto di ritenere che anche le ragazze siano confuse su cosa piaccia loro o meno. Un altro dei ragazzi presenti al colloquio, riferendosi al sesso anale, ha detto «semplicemente lo farei», aggiungendo che visto che piace alle attrici porno dovrebbe piacere anche alle ragazze.

I ragazzi con cui ha parlato Jones facevano parte di una classe di un corso chiamato Porn Literacy, in un centro educativo per adolescenti di Boston finanziato dalla città. Al corso partecipano ogni anno una decina di studenti selezionati dalle scuole superiori della zona, soprattutto afroamericani o ispanici. Il corso rientra in un più ampio progetto per educare a relazioni sane, per sensibilizzare sui temi LGBT e per prevenire la violenza sessuale e la cosiddetta dating violence, cioè la violenza fisica o psicologica praticata da una persona verso il suo o la sua partner. Ma il corso di Porn Literacy ha anche lo specifico obiettivo di rendere gli adolescenti consumatori più critici e consapevoli della pornografia; e di mostrare loro come la pornografia rappresenta i temi del consenso, del genere, della razza, degli standard fisici, eccetera.

Rothman, una delle ideatrici del corso, ha spiegato a Jones che l’obiettivo non è spaventare i ragazzi, o convincerli che il porno rovinerà le loro relazioni. Tra i temi trattati ci sono le varie categorie del porno, il funzionamento dell’industria e le tutele nei confronti degli attori e delle attrici, per passare poi a temi più ampi come per esempio i canoni estetici promossi dalla pornografia, le caratteristiche sessiste, i tipi di intimità non rappresentati, fino al sexting, cioè lo scambio di foto e messaggi sessualmente espliciti, e al revenge porn, cioè la diffusione di immagini e video privati dell’ex partner.

I numeri
Ci sono pochi studi sul rapporto tra consumo di pornografia e sessualità negli adolescenti. Certe ricerche sostengono che quelli che guardano più porno fanno sesso prima e hanno una visione più stereotipata dei generi, oltre che relazioni sessuali meno affettive. Ma sono ricerche ancora poco significative e soprattutto si limitano a stabilire una correlazione, non un rapporto di causa-effetto.

Nel 1992 circa il 16 per cento delle donne tra i 18 e i 24 anni aveva provato il sesso anale; nel 2009 la percentuale è salita al 40 per cento, secondo un’importante ricerca pubblicata sul Journal of Sexual Medicine. Uno studio svedese del 2016 ha rilevato che la percentuale di ragazze 16enni che hanno provato il sesso anale raddoppia se si considerano solo quelle che consumano porno. Anche in questo caso si tratta di una correlazione: la causalità potrebbe essere opposta, e cioè le ragazze più curiose sessualmente potrebbero essere più inclini a guardare porno.

Debby Herbenick e Bryant Paul della Scuola di salute pubblica all’Università dell’Indiana hanno intervistato 614 adolescenti tra i 14 e i 18 anni, circa 300 dei quali avevano guardato del porno. Un quarto delle ragazze e il 36 per cento dei ragazzi avevano visto video di attori che eiaculavano in faccia alle attrici, una pratica conosciuta come facial, e che rappresenta la fine di gran parte dei video porno professionali. Un terzo degli adolescenti, maschi e femmine, avevano visto video di BDSM (cioè l’acronimo che identifica le pratiche di bondage, dominazione, sadismo e masochismo); il 26 per cento dei ragazzi e il 20 per cento delle ragazze aveva visto video di doppia penetrazione: uno o più peni o oggetti nella vagina e nell’ano della donna; il 31 per cento dei ragazzi e meno della metà delle ragazze aveva visto video di gang bang, cioè sesso di gruppo, o di sesso orale violento. I dati raccolti nella ricerca dell’Università dell’Indiana dicono che tra gli adolescenti che hanno fatto sesso uno su sei aveva eiaculato in faccia al partner o l’aveva strozzato, imitando un’altra pratica sessuale diffusa nei porno.

Paul e i suoi colleghi hanno poi analizzato circa 6000 video di porno eterosessuale mainstream in cerca di episodi di aggressioni, definite come azioni volontarie per recare danno fisico o psicologico a un’altra persona. Ce n’erano nel 33 per cento dei video, e in oltre il 90 per cento dei casi a subirle erano donne.

Cosa capiscono in modo sbagliato gli adolescenti, dal porno
Il punto di vista prevalentemente maschile del porno eterosessuale mainstream, evidenziato anche dalla frequenza delle inquadrature in soggettiva dal punto di vista degli attori, influenza il modo in cui i ragazzi (e le stesse ragazze) intendono il piacere femminile. In un sondaggio del 2016 realizzato tra 1000 ragazzi tra gli 11 e i 16 anni, il 53 per cento dei ragazzi e il 39 per cento delle ragazze ha detto di ritenere che il sesso nei porno sia realistico. Nella ricerca dell’Università dell’Indiana si è invece rilevato che soltanto un ragazzo su sei e una ragazza su quattro ritiene che le attrici donne nei porno online non provino davvero piacere. «Non ho mai visto una ragazza in un porno che non si stia divertendo», ha detto un ragazzo a Jones.

Tra gli adolescenti maschi impreparati sulla sessualità, anche dal punto di vista anatomico, questo si traduce in un fraintendimento delle cose che è più probabile piacciano a una ragazza, a partire dalla confusione tra l’orgasmo clitorideo e quello vaginale, che prova una percentuale molto inferiore di donne. Allo stesso modo questi equivoci possono interessare le ragazze: una ha raccontato a Jones che dando per scontato che gli orgasmi delle attrici porno fossero veri, quando ha avuto il primo rapporto sessuale senza raggiungerlo ha concluso che fosse normale così.

Cindy Gallop è la creatrice di Make Love Not Porn, un sito sul quale gli utenti possono caricare i propri video di sesso amatoriale e pagare per vedere quelli degli altri. Gallop si è dedicata a studiare le differenze nell’approccio alla sessualità tra adulti e giovani adulti e ha spiegato a Jones che il problema non è solo maschile, ma sta anche in quello che il porno trasmette alle ragazze. Le ragazze potrebbero infatti pensare che a tutti i ragazzi piaccia eiaculare in faccia a qualcun altro, e che per questo si prestino a farlo anche contro il proprio desiderio.

Qualcosa di simile potrebbe succedere anche nel caso del sesso anale eterosessuale. Uno studio inglese del 2014 ha rilevato che generalmente le adolescenti non lo desiderano, e quando lo hanno sperimentato hanno provato dolore fisico. La maggioranza degli adolescenti tra i quali fu fatto il sondaggio dissero di ritenere che era il porno a spingere molti ragazzi a volerlo provare, e a competere con gli amici in questo senso. Il sondaggio rilevò che la maggior parte delle ragazze che avevano provato il sesso anale non voleva farlo, ma era stata convinta o costretta dai partner. I ricercatori riportarono i diversi approcci usati dai ragazzi, che andavano dal provarci per vedere la reazione della partner al farlo indipendentemente dal consenso. Sia ragazzi che ragazze nel sondaggio attribuirono la responsabilità del dolore alle ragazze, non abbastanza “abituate” o “rilassate”. In realtà, dice lo studio pubblicato nel 2009 sul Journal of Sexual Medicine, la maggior parte degli uomini e delle donne che hanno provato il sesso anale non lo inseriscono nella propria vita sessuale quotidiana.

Ci sono soluzioni?
Non definitive. Dato che la curiosità prima e il desiderio poi degli adolescenti verso la pornografia non è iniziato ieri e non finirà domani, viene da pensare che si potrebbe arginare il problema sensibilizzando verso un consumo di pornografia più realistica e neutrale dal punto di vista del genere di riferimento. Ma non è facile, come ha spiegato Maree Crabbe, un’esperta di violenza di genere ed educazione alla pornografia: «A differenza del cibo biologico, non ci sono delle regole per il porno etico o femminista. Possono usare i preservativi, ma comunque trasmettere lo stesso dinamiche di aggressione e violenza di genere». Senza contare che il porno mainstream è enormemente più facile da reperire del “buon porno”, e soprattutto è gratis.

La divisione europea dell’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha recentemente diffuso delle linee guide che invitano a includere discussioni sull’influenza della pornografia sulla sessualità fin dalle scuole elementari. Erika Lust, una famosa regista di porno dal punto di vista delle donne, ha fondato ThePornConversationun sito per insegnare ai genitori a parlare ai figli del porno e di come quello mainstream non dia un’idea realistica della sessualità. «Non possiamo dire semplicemente che non ci piace il porno perché è maschilista. Abbiamo dato la tecnologia ai nostri figli, dobbiamo insegnare loro come gestirla».

Secondo Crabbe, il modo più efficace per educare i giovani uomini a non applicare le cose viste nei porno mainstream alla propria sessualità è far capire loro che non è quello il modo di essere un buon amante, di quelli che soddisfano davvero il o la partner. Secondo Gallop, dovrebbe essere responsabilità dei genitori insegnare ai figli a essere buoni amanti: «I genitori ci crescono insegnandoci le buone maniere, e l’etica del lavoro. Ma nessuno ci insegna a essere bravi a letto».

Leggi anche:
«Ommioddio, sì»
La violenza sessuale e il consenso
La clitoride, spiegata bene
Buoni consigli per non farsi stuprare

Mostra commenti ( )