• Italia
  • giovedì 15 febbraio 2018

La Guardia di Finanza sta eseguendo ispezioni nelle sedi degli operatori telefonici, forse per la vicenda delle bollette a 28 giorni

Su richiesta dell’Autorità garante per la concorrenza, il Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza ha avviato una serie di controlli nelle sedi principali di Tim, Vodafone, Wind e degli altri operatori telefonici fissi e mobili attivi in Italia. Le informazioni sono ancora generiche, ma si parla di ispezioni legate al discusso tema della fatturazione mensile delle bollette, divenuta obbligatoria al posto di quella a 4 settimane. Al termine delle ispezioni, l’Autorità potrebbe avviare ulteriori verifiche per sospette violazioni delle leggi sulla concorrenza, organizzate per attenuare il cambiamento nella gestione delle bollette. Osservatori e associazioni per i consumatori hanno contestato in queste settimane le scelte degli operatori, che passando alle bollette mensili hanno aumentato le tariffe, più o meno tutti con modalità simili.

Guardia di finanza (ANSA foto)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.