Genitori di studenti della scuola di Parkland, in Florida, aspettano notizie dalla polizia dopo la sparatoria del 14 febbraio (AP Photo/Joel Auerbach)
  • Mondo
  • giovedì 15 febbraio 2018

Sapreste dire quante sparatorie nelle scuole ci sono già state nel 2018 negli Stati Uniti?

Quella in Florida è stata la più grave, ma nei primi 45 giorni di quest'anno sono state uccise in tutto 22 persone

Genitori di studenti della scuola di Parkland, in Florida, aspettano notizie dalla polizia dopo la sparatoria del 14 febbraio (AP Photo/Joel Auerbach)

La strage di Parkland, in Florida – dove un ragazzo ha ucciso almeno 17 persone sparando a studenti e insegnanti della sua ex scuola – è stato il diciottesimo incidente con armi da fuoco in una scuola degli Stati Uniti nel 2018. In tutto, nei primi 45 giorni del 2018, 22 persone sono state uccise e decine sono state ferite in sparatorie avvenute in scuole o nelle loro immediate vicinanze. Dei 18 incidenti con armi da fuoco, secondo i dati della ong statunitense Everytown for Gun Safety, 8 hanno causato morti o feriti, altri 8 non hanno causato né morti né feriti e ci sono stati due casi di suicidio.

Il fatto più grave prima della strage a Parkland era stata una sparatoria in una scuola in Kentucky a fine gennaio, dove uno studente 15enne aveva sparato contro i suoi compagni uccidendone 2 e ferendone 18. Nei primi giorni di febbraio, a Los Angeles, due studenti sono stati feriti in modo grave alla testa e a un braccio quando la pistola nascosta nello zaino di un altro studente ha sparato inavvertitamente. Ci sono poi stati molti altri incidenti di diversa natura: in alcuni casi le sparatorie sono avvenute vicino a scuole ma senza coinvolgere direttamente studenti (in un caso, per esempio, un rapinatore è stato ucciso dalla polizia vicino a una scuola a Montpelier, in Vermont), e una persona è morta in un dormitorio scolastico mentre armeggiava con una pistola nella sua stanza.

Le statistiche sulle sparatorie nelle scuole divergono leggermente le une dalle altre, a seconda dei criteri usati per definirle e di quelli usati per contare i feriti. L’associazione Everytown for Gun Safety, per esempio, definisce “sparatoria scolastica” qualsiasi circostanza in cui una pistola spara – anche accidentalmente – dentro un edificio scolastico, all’interno di un campus o in un’area di proprietà della scuola. Altre organizzazioni, invece, includono nelle statistiche solo quelle sparatorie avvenute durante le ore di lezione o quando sono in corso attività extracurriculari.

In base a questa seconda e più stringente definizione, la ong Gun Violence Archive ha registrato 273 sparatorie in ambito scolastico a partire dalla strage nella scuola elementare di Sandy Hooks del 2012, dove morirono 20 bambini e 6 adulti. Nelle 273 sparatorie avvenute da allora, 318 persone sono state ferite e 121 sono state uccise. I numeri dei feriti possono variare da statistica a statistica a seconda che vengano contate solo le persone ferite direttamente dai proiettili o anche quelle ferite mentre scappavano dalle sparatorie.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.