ANSA/RICCIARDI/UFFICIO STAMPA
  • Italia
  • lunedì 29 gennaio 2018

Lo sciopero dei treni Italo di oggi: gli orari e i treni garantiti

Potrebbero esserci ritardi e cancellazioni tra le 10 e le 18, ma ci sono treni garantiti: le informazioni utili

ANSA/RICCIARDI/UFFICIO STAMPA

È in corso in queste ore uno sciopero dei dipendenti di Ntv (Nuovo Trasporto Viaggiatori), la società privata che gestisce i treni ad alta velocità Italo. Lo sciopero avrà una durata complessiva di otto ore, e potrebbe causare ritardi e cancellazioni nei viaggi in programma tra le 10 e le 17:59.

Le ragioni dello sciopero

Lo sciopero è stato programmato per oggi, lunedì 29 gennaio, dai sindacati di settore Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt-Uil, Ugl Trasporti e Fast Mobilità. Nel loro comunicato, che potete leggere qui per intero, hanno accusato l’azienda di Italo di «rifiutare il confronto sul rinnovo del contratto nel perimetro del nuovo contratto della Mobilità, pretendendo di definirne uno proprio. Come se ciò non bastasse, la società rifiuta di riconoscere ai lavoratori il premio previsto, dovuto agli ottimi risultati di bilancio, già consolidati e annunciati pubblicamente dall’azienda».

Italo ha risposto dicendo di essersi più volte «resa disponibile a discutere il rinnovo del contratto collettivo di lavoro scaduto a dicembre 2014, senza mai sottrarsi al confronto con le organizzazioni sindacali» e di aver «sempre riconosciuto, nella forma e nei contenuti dovuti, sia il premio di risultato sia ogni altro diritto spettante ai propri dipendenti».

I treni garantiti

Italo ha pubblicato sul proprio sito una lista dei treni garantiti: non ci saranno problemi di circolazione per 23 treni sui 47 programmati nella fascia oraria interessata dallo sciopero.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.