La planimetria della prima tappa (RCS)
  • Sport
  • giovedì 30 novembre 2017

Tutte le tappe del Giro d’Italia 2018

La 101ª edizione inizia domani a Gerusalemme e terminerà a Roma ventitré giorni dopo

La planimetria della prima tappa (RCS)

La 101ª edizione del Giro d’Italia inizia domani, venerdì 4 maggio, e per la prima volta nella sua storia — e anche in quella delle tre grandi corse a tappe — partirà fuori dall’Europa. Le prime tre tappe del Giro si terranno infatti in Israele: una cronometro individuale a Gerusalemme nella giornata inaugurale, una frazione in linea di 167 chilometri da Haifa a Tel Aviv il giorno dopo e poi 226 chilometri da Be’er Sheva a Eilat, sul Mar Rosso. La cronometro di Gerusalemme, prima tappa della corsa, inizierà domani nel primo pomeriggio. La tappa finale arriverà ventitré giorni dopo e si correrà interamente a Roma, com’è successo solamente tre volte nella storia del Giro, l’ultima nel 2009.

Al termine delle tre tappe in Israele il Giro d’Italia si sposterà in Sicilia, dove correrà tre tappe con partenze a Catania, Agrigento e Caltanissetta. Poi salirà verso nord percorrendo la Calabria con una tappa che si svolgerà interamente lungo la costa tirrenica, e poi arriverà in Campania. Da lì attraverserà l’Appennino centrale passando anche per le salite del Gran Sasso, dove terminerà la nona tappa. Dall’Abruzzo i corridori percorreranno Umbria ed Emilia-Romagna in tre tappe: arrivato nel Nord Est il Giro entrerà nella sua fase decisiva, con l’arrivo in salita sul Monte Zoncolan previsto per il 19 maggio, alla quattordicesima tappa. Il giorno prima arriverà invece a Nervesa della Battaglia, in provincia di Treviso, nella cosiddetta “linea del Piave”, per commemorare il centesimo anniversario della fine della Prima guerra mondiale. Dalle Dolomiti si trasferirà rapidamente in Piemonte, tramite la Lombardia, per le ultime tre tappe decisive. Tra il 26 e il 27 maggio, infine, si sposterà a Roma per la tappa finale nel circuito cittadino.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.