(ANSA foto)
  • Italia
  • giovedì 23 Novembre 2017

Un uomo è stato arrestato in Calabria per avere schiavizzato e violentato una donna per 10 anni

Le indagini erano iniziate dopo un normale controllo stradale, ma poi hanno rivelato una storia di terribili violenze

(ANSA foto)

Un uomo di 52 anni, Aloisio Francesco Rosario Giordano, è stato arrestato ieri in provincia di Catanzaro (Calabria) per aver sequestrato, schiavizzato e violentato per dieci anni una donna davanti ai figli di tre e nove anni nati da quegli stupri. Le indagini sono state fatte dai carabinieri di Gizzeria Lido e sono cominciate dopo un controllo stradale. L’uomo era stato fermato in macchina insieme al figlio più grande, le cui condizioni igieniche e fisiche avevano insospettito gli agenti (era sporco e denutrito). La polizia aveva poi scoperto la baracca di lamiere e scarti di legno dove la donna e i bambini venivano costretti da anni a subire abusi e violenze.

(L’interno della baracca dove una donna di 29 anni è stata segregata e ritrovata con la figlia di tre anni – ANSA)

La donna, che oggi ha 29 anni, subisce abusi dal 2007: è una cittadina romena che dopo essere arrivata in Italia aveva cominciato a lavorare come badante per l’ex compagna di Aloisio Francesco Rosario Giordano, che nel frattempo è morta. Secondo quanto scrivono oggi i principali quotidiani italiani, la donna è stata imprigionata prima in diversi appartamenti e poi in una baracca fatiscente vicino a Gizzeria, in una zona di campagna. Per impedirle di fuggire, l’uomo chiudeva la porta con una grossa catena, costringendola a vivere in un ambiente infestato da topi e insetti. Nella baracca non c’erano acqua e luce, i servizi igienici erano secchi della spazzatura e i letti erano pezzi di cartone messi alla base di una staffa in ferro fissata a terra.

Repubblica scrive che la ragazza ha raccontato agli investigatori di aver vissuto legata al letto e di essere stata costretta a subire regolarmente abusi e sevizie a cui, da un certo punto in poi, avevano cominciato ad assistere anche i due bambini nati dagli stupri. Il più grande era costretto con le minacce a partecipare alle torture che venivano inflitte alla madre. Sembra che nessun medico abbia mai visto la donna durante le due gravidanze. Dalle indagini è risultato che alcune gravi lesioni provocate alla donna (alle parti intime, anche durante la gravidanza, e in altre parti del corpo) erano state suturate con una lenza da pesca, direttamente dall’uomo. Il Corriere aggiunge che la ragazza era costretta a mangiare i suoi stessi escrementi e cibi avariati, che è stata violentata anche mentre era incinta e che non si lavava da un anno. Sempre il Corriere:

«Prima di entrare i militari hanno dovuto indossare le mascherine, tanto era il fetore proveniente da quell’ammasso di suppellettili accantonate una sull’altra, tra bidoni d’acqua putrida, secchi per i bisogni corporali e un letto di cartone, con una staffa in ferro fissata a terra, dove la donna era tenuta incatenata. Sul corpo una coperta lercia e evidenti ecchimosi, sporca e denutrita, la donna sembrava paralizzata. Al suo fianco la bambina, denutrita, con addosso solo una canottiera che piangeva, probabilmente per fame».

Aloisio Francesco Rosario Giordano, che alcuni giornali dicono avesse già precedenti per reati sessuali, è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia, riduzione in schiavitù e violenza sessuale pluriaggravata ed è stato portato nel carcere di Catanzaro. La donna e i bambini sono stati invece affidati ai servizi sociali e immediatamente trasferiti in un luogo protetto. Il Garante regionale per l’infanzia, Antonio Marziale, ha fatto sapere di avere aperto una procedura destinata agli investigatori e alla magistratura «per valutare la posizione di eventuali negligenze e negligenti. Chi sa e tace è complice. Se chi tace ha doveri istituzionali, oltre che civici, è complice e ha il dovere di risponderne alla giustizia e, magari, di cambiare mestiere».