(Toru Hanai/Pool Photo via AP)
  • Mondo
  • lunedì 13 novembre 2017

Le foto del viaggio di Trump in Asia

Che sta per finire, dopo dieci giorni di incontri in Giappone, Corea del Sud, Cina, Vietnam e Filippine: lui dice che è stato un grande successo, ma non tutti sono d'accordo

(Toru Hanai/Pool Photo via AP)

Il presidente statunitense Donald Trump sta per concludere il suo viaggio iniziato dieci giorni fa in diversi paesi dell’Asia. Trump ha visitato il Giappone, la Corea del Sud, la Cina, il Vietnam e oggi è stato a Manila, la capitale delle Filippine, dove si è tenuto un incontro tra capi di stato e di governo dei paesi del “Pacific Rim”, cioè quelli che si affacciano sull’Oceano Pacifico. Trump si è detto molto soddisfatto del suo viaggio: «Abbiamo fatto grandi passi in avanti sul commercio, molto più grandi di qualsiasi cosa potreste immaginare», ha detto all’inizio di un incontro con i giornalisti a Manila, e ha aggiunto: «È stato un red carpet che – secondo me – non ha mai ricevuto nessun altro. E questo è davvero un segno di rispetto, forse non tanto per me, ma certamente per il nostro paese. E ne vado davvero orgoglioso».

Durante il viaggio, Trump ha evitato per lo più di fare tweet provocatori (a eccezione di un tweet molto ripreso rivolto al dittatore nordcoreano Kim Jong-un). Il Washington Post ha scritto che il viaggio di Trump è stato «una opportunità mancata» di definire con più precisione le politiche economiche e di sicurezza che l’amministrazione americana vuole rivolgere alla regione asiatica. Sembra che Trump si sia concentrato più sul rafforzamento delle sue relazioni personali con i diversi leader asiatici, piuttosto che sul trovare soluzioni a problemi noti come la minaccia militare nordcoreana. Trump comunque non ha ancora specificato quali siano questi grandi risultati ottenuti dal suo viaggio in Asia: ha detto che diffonderà un comunicato mercoledì, una volta tornato a Washington.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.