• Mondo
  • lunedì 23 ottobre 2017

Più di 600mila persone di etnia rohingya hanno lasciato il Myanmar da agosto ad oggi

Secondo l’ONU, da agosto più di 600mila persone di etnia rohingya sono fuggite dal Myanmar e sono entrate in Bangladesh, a causa degli scontri tra ribelli rohingya e forze di sicurezza birmane. Le violenze si sono verificati nello stato birmano del Rakhine, che confina con il Bangladesh e nel quale vivono gli appartenenti alla minoranza musulmana rohingya (la principale religione in Myanmar è quella buddhista). Lo stesso organo dell’ONU che si occupa di monitorare gli arrivi al confine con il Bangladesh ha stimato ci siano stati 14mila nuovi arrivi soltanto nell’ultima settimana.
Una decina di giorni fa, Aung San Suu Kyi, leader di fatto del Myanmar e premio Nobel per la Pace nel 1991, aveva presentato un piano per aiutare i rohingya a tornare nello stato di Rakhine: Suu Kyi è stata comunque criticata dalla comunità internazionale per non aver preso posizione e per essere stata ambigua nell’unico discorso pronunciato sulla questione, a metà settembre.

(AP Photo/Dar Yasin)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.