• Mondo
  • giovedì 28 settembre 2017

Jeremy Corbyn: «Ora siamo noi il mainstream politico»

Il leader dei Laburisti britannici ha fatto un discorso molto importante nel quale ha criticato il sistema economico neoliberista e ha promesso più intervento statale nell'economia

Jeremy Corbyn (DANIEL LEAL-OLIVAS/AFP/Getty Images)

Durante una conferenza a Brighton, nel Regno Unito, il leader dei Laburisti inglesi Jeremy Corbyn ha pronunciato un discorso molto importante e ripreso sul ruolo del suo partito nella politica britannica. Corbyn ha parlato dell’importanza dei Laburisti soprattutto dopo le elezioni politiche di giugno, nelle quali la prima ministra conservatrice Theresa May ha perso la maggioranza parlamentare, e ha presentato alcune nuove idee per il programma del suo partito, relative per esempio all’istruzione e alla casa.

In uno dei passaggi centrali del suo discorso, Corbyn ha detto che il modello economico neoliberista «modellato molti anni fa da Margaret Thatcher» è fallito; poi ha aggiunto che una volta le sue idee erano poco considerate all’interno del Partito Laburista, mentre ora le cose sono cambiate:

«Questo è il centro di gravità della politica britannica. Ora siamo noi il mainstream politico»

Uno degli argomenti più trattati da Corbyn nella conferenza dei Laburisti a Brighton è stata la politica sulla casa. Corbyn ha descritto il disastro della Grenfell Tower, la torre di Londra dove a metà giugno un incendio uccise più di 80 persone, come il simbolo di un sistema economico fallimentare, nel quale le politiche adottate dai governi sulle abitazioni si sono dimostrate disastrose. Corbyn ha proposto un ampio piano di controllo sugli affitti e un netto rallentamento dei progetti di gentrificazione delle città. In pratica, hanno scritto i giornali britannici, Corbyn ha voluto staccarsi nettamente dai progetti e dalle idee di Tony Blair – primo ministro Laburista dal 1997 al 2007 – promettendo più intervento statale nell’economia, ovvero posizionandosi molto a sinistra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.