(AP Photo/Alessandra Tarantino, Pool)

«Vogliamo che restiate», dice Theresa May agli italiani nel Regno Unito

La prima ministra britannica ha promesso che Brexit non cambierà niente per i 600 mila italiani che vivono nel Regno Unito

(AP Photo/Alessandra Tarantino, Pool)

Oggi la prima ministra britannica Theresa May ha pronunciato un importante discorso su Brexit a Firenze. Il discorso era molto atteso e, come ha scritto il Guardian, è considerato uno dei tre momenti principali in cui il governo britannico ha deciso di definire la sua posizione sull’uscita dall’Unione Europea. Il primo è stato il discorso pronunciato da May alla Lancaster House lo scorso gennaio; il secondo è stato la pubblicazione del “white paper” su Brexit a marzo.

Nel suo discorso May si è rivolta direttamente ai circa 600 mila italiani attualmente residenti nel Regno Unito, la cui situazione potrebbe cambiare molto dopo l’uscita del paese dall’Unione Europea. May, che ha fatto un discorso prudente e moderato su tutti gli aspetti del negoziato, li ha rassicurati:

«Vogliamo che restiate»

May ha anche promesso che per gli italiani e per gli altri cittadini UE residenti nel Regno Unito non cambierà nulla, e che dopo Brexit continueranno a godere degli stessi diritti di cui godevano prima (una proposta che aveva già fatto lo scorso giugno). In realtà il destino dei residenti europei nel Regno Unito non è soltanto nelle mani di Theresa May, visto che sarà oggetto dei negoziati con l’Unione Europea. Il discorso di May è stato significativo anche per altre ragioni, comunque. La più importante è stata la proposta di allungare di due anni la scadenza entro la quale il Regno Unito dovrà uscire dall’Unione Europea. Attualmente è fissata per il marzo 2019, cioè due anni dal momento in cui è stato invocato l’articolo 50 dei trattati che ha messo in moto i negoziati per l’uscita. I trattati europei stabiliscono che se entro quella data non sarà raggiunto un accordo, il Regno Unito sarà automaticamente fuori dall’Unione.

È uno scenario potenzialmente molto pericoloso per il Regno Unito, che all’improvviso si troverebbe per esempio senza trattati commerciali a regolare i suoi rapporti con l’Unione e senza un servizio doganale con cui gestire le merci provenienti dall’Europa. Oggi May ha chiesto che dopo la conclusione degli accordi, al Regno Unito siano lasciati due anni per implementarli. Durante questo periodo, ha detto, i rapporti tra il suo paese e il resto dell’Unione dovrebbero rimanere regolati sostanzialmente come lo sono oggi.

Affinché questo avvenga ci sarà bisogno di un voto all’unanimità di tutti i membri dell’Unione, una circostanza che molti esperti ritengono difficile che si realizzi. May, in cambio di questa richiesta, ha promesso che il Regno Unito continuerà a pagare il denaro che deve al bilancio dell’Unione Europea fino al 2020; che però è soltanto una parte del denaro che il Regno Unito deve ancora versare secondo i negoziatori dell’Unione.