Molti iscritti del M5S stanno avendo difficoltà a votare online per scegliere il candidato del partito a presidente del Consiglio

Da diverse ore numerosi utenti di Rousseau – il portale utilizzato dagli iscritti al Movimento 5 Stelle – stanno riportando difficoltà e ritardi nell’utilizzare il sistema di voto con cui oggi dovrà essere scelto il candidato presidente del Consiglio del Movimento e suo futuro capo politico. Il Movimento ha ammesso in un tweet che il sistema sta avendo dei problemi a causa dell’alto numero di accessi.

Alcuni iscritti al Movimento 5 Stelle interpellati dal Post hanno detto che questa mattina era molto difficile ricevere l’SMS di conferma necessario a procedere alla votazione. Una volta votato, il sistema non sembra sia sempre riuscito a registrare il voto, mentre nel pomeriggio a molti utenti il sito è apparso completamente non attivo.

Il voto per le “primarie” del Movimento è iniziato questa mattina alle 10 e dovrebbe proseguire fino alle 19. Il candidato principale è il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, considerato lo scontato vincitore della competizione: contro di lui non si è candidato nessuno dei principali dirigenti del partito, ma soltanto sette attivisti sostanzialmente sconosciuti, a parte la senatrice Elena Fattori. Il vincitore sarà tenuto nascosto fino a sabato 23 settembre, quando sarà annunciato alla festa del Movimento a Rimini.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.