Sulla Stazione Spaziale Internazionale c’è un drone super puccioso

È stato progettato dall'Agenzia spaziale giapponese e può dare una mano agli astronauti a fare i lavori più ripetitivi

(JAXA)

Int-Ball (Internal Ball Camera) è una sfera con videocamere e un sistema per spostarsi in parziale assenza di gravità sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), in orbita intorno alla terra. È un drone sperimentale ideato dall’Agenzia spaziale giapponese (JAXA), che ha da poco diffuso le prime immagini della sua attività a bordo della ISS.

Grazie a due anelli luminosi che ricordano un po’ due occhi, Int-Ball ha un aspetto molto amichevole, studiato per fare in un certo senso compagnia agli astronauti che vivono sulla ISS. Pesa circa un chilogrammo, ha un diametro di 15 centimetri (poco più di un DVD) e ha 12 piccole eliche interne, che servono per orientare i suoi spostamenti.

Il drone è collegato ai sistemi di bordo della ISS e può essere controllato direttamente dalla JAXA sulla Terra. Int-Ball può fotografare e riprendere i computer e gli altri equipaggiamenti, inviando le immagini al centro di controllo, per verificare il loro stato. Questa mansione viene di solito eseguita dagli astronauti, che possono quindi essere sollevati da parte dei compiti più ripetitivi, usando meglio il loro tempo per esperimenti e altri test.

JAXA confida di continuare a sviluppare il suo progetto per rendere Int-Ball ancora più utile, per svolgere nuovi compiti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.