• Italia
  • giovedì 13 luglio 2017

Cos’è WiFi Italia

È il progetto per rendere disponibile una rete WiFi gratuita nazionale, che in parte è già disponibile tramite un'applicazione

Da oggi è disponibile WiFi°Italia°It (o più semplicemente WiFi Italia), un’applicazione che permette di localizzare le reti WiFi pubbliche e accedervi con un solo identificativo, così da non doversi più registrare singolarmente sulle diverse reti di comuni, regioni, musei, biblioteche e altri enti pubblici. L’applicazione WiFi Italia è il principale strumento dell’omonimo progetto del ministero dello Sviluppo Economico, che ha lo scopo di rendere più accessibili le reti WiFi pubbliche e private, valorizzando in particolare quelle dei posti di importanza culturale e frequentati da turisti. Il progetto è nato dalla cooperazione tra il ministero dello Sviluppo Economico, l‘Agenzia per l’Italia Digitale e il ministero del Turismo e delle Attività Culturali: queste tre istituzioni avevano sottoscritto nell’agosto del 2016 il Protocollo “per la diffusione di piattaforme intelligenti al servizio del turista sul territorio italiano”. Nella pratica il progetto è stato realizzato da Infratel Italia, l’azienda del ministero dello Sviluppo Economico nata nel 2003 per realizzare reti di telecomunicazioni nelle aree di fallimento del mercato, cioè in quelle zone dove non è conveniente per gli operatori privati sviluppare le proprie reti, e che ora si occupa di rendere disponibile la connessione internet veloce su tutto il territorio italiano.

Il servizio per ora è disponibile solo in alcune parti d’Italia, principalmente del centro-nord, ma l’obiettivo è di arrivare a coprire tutto il territorio nazionale (qui c’è la mappa). Sul sito ufficiale del progetto è disponibile uno strumento, rivolto sia a soggetti pubblici che privati, per aderire rendendo disponibile la propria rete WiFi.

L’applicazione

L’applicazione WiFi°Italia°It – questo è il nome ufficiale, negli store online bisogna cercare wifi.italia.it – è disponibile per smartphone iOS e Android. Dopo averla scaricata, occorre registrarsi fornendo alcuni dati anagrafici, un indirizzo email e scegliendo una password: poi si possono vedere le reti WiFi pubbliche sul territorio nazionale, localizzare la più vicina con un apposito scanner e connettersi. In una prova fatta dal Post l’applicazione si è dimostrata veloce e facile da usare, a differenza di altri strumenti informatici introdotti di recente dalla pubblica amministrazione.

Futuri sviluppi

Il progetto WiFi Italia è attualmente abbastanza limitato, sia per la copertura territoriale che per le funzionalità dell’applicazione, ma la volontà dei promotori è continuare a espanderlo. Oltre ad arrivare a coprire tutto il territorio nazionale, sul sito del progetto si legge che in futuro sarà realizzato un modo per connettersi alle reti pubbliche tramite computer con un solo identificativo e l’applicazione sarà utilizzabile anche per accedere a diversi altri servizi pubblici.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.