(ANSA/ CESARE ABBATE)
  • Italia
  • mercoledì 28 giugno 2017

Perché Woodcock è indagato

È accusato insieme a Federica Sciarelli di aver rivelato informazioni segrete sul caso CONSIP al giornalista Marco Lillo del Fatto, che però dice che la sua fonte è un'altra

(ANSA/ CESARE ABBATE)

Da lunedì sera – ma la notizia si è diffusa solo martedì – il magistrato di Napoli Henry John Woodcock e Federica Sciarelli, giornalista e popolare conduttrice televisiva, sono indagati dalla procura di Roma per rivelazione di segreto. Secondo i magistrati di Roma lo scorso dicembre Woodcock e Sciarelli avrebbero fornito informazioni coperte da segreto sull’inchiesta CONSIP al giornalista del Fatto Quotidiano Marco Lillo.

Woodcock e Sciarelli – che, secondo i giornali, hanno da tempo una relazione – hanno detto entrambi di non avere nulla a che fare con la fuga di notizie. In un articolo pubblicato sul Fatto Quotidiano, Lillo ha scritto che non sono loro i responsabili della fuga di notizie e ha chiesto di essere sentito dai magistrati. Lillo non ha dato però ulteriori dettagli su chi possa essere la sua fonte. Venerdì i magistrati di Roma dovrebbero interrogare Sciarelli, mentre l’interrogatorio di Woodcock è fissato per il prossimo 7 luglio.

All’epoca della fuga di notizie, Woodcock, magistrato della procura di Napoli, stava lavorando al caso CONSIP, una complicata indagine per corruzione che riguarda la società che si occupa di gran parte degli acquisti della pubblica amministrazione: è la stessa indagine in cui è coinvolto il padre del segretario del PD Matteo Renzi, Tiziano. L’indagine è stata aperta da Woodcock, ma successivamente una parte è stata trasferita a Roma per questioni di competenza territoriale. Secondo i magistrati lo scorso 21 dicembre, quando parte dell’inchiesta fu trasferita a Roma, Woodcock fece sapere a Lillo, tramite Sciarelli, dell’esistenza dell’indagine, all’epoca ancora segreta. Nei giorni successivi Lillo pubblicò due articoli in cui scrisse che due generali dei carabinieri e il ministro dello Sport Luca Lotti erano indagati.

I magistrati di Roma non hanno fatto comunicazioni ufficiali sull’indagine in corso, quindi al momento si conoscono solo informazioni frammentarie sui motivi che li hanno spinti a indagare Woodcock e Sciarelli. A quanto ha scritto Lillo, i magistrati di Roma sarebbero in possesso di alcuni tabulati telefonici che mostrano come il 20 dicembre, il giorno prima della pubblicazione degli articoli con le notizie segrete, Lillo abbia parlato al telefono con Sciarelli. Subito dopo Sciarelli avrebbe chiamato Woodcock per poi richiamare Lillo. I magistrati di Roma avrebbero sequestrato il telefono di Sciarelli per confermare le loro ipotesi investigative.

Nel suo articolo, Lillo ha spiegato questo giro di telefonate dicendo che lo scorso 20 dicembre la sua fonte – non Woodcock, dice – gli aveva già rivelato le notizie coperte da segreto. Ha scritto che chiamò Sciarelli solo per avere una conferma. Le chiese infatti se Woodcock si trovasse a Roma in quel momento. Una risposta affermativa sarebbe stata una conferma per il pezzo che stava scrivendo, in cui parlava di perquisizioni in corso nella sede di CONSIP a Roma, ordinate proprio da Woodcock. Lillo scrive che Sciarelli chiamò Woodcock e che poco dopo lo avvertì che il magistrato non si trovava in città. Anche senza la conferma che cercava, Lillo scrisse comunque l’articolo sulle perquisizioni in corso. Il giorno successivo divenne chiaro che Woodcock si trovava effettivamente a Roma e che quindi, conclude Lillo, aveva mentito a Sciarelli per proteggere la segretezza della sua indagine.

Il caso CONSIP ha prodotto numerose altre fughe di notizie, oltre a quella che ha portato a indagare Woodcock e Sciarelli. Lo scorso maggio, Lillo pubblicò il contenuto di un’intercettazione tra Matteo Renzi e suo padre Tiziano, ordinata dalla procura di Napoli. L’intercettazione è ancora coperta dal segreto e la sua pubblicazione era un reato. A febbraio diversi giornali pubblicarono una serie di informazioni che sembravano provenire da alcuni verbali della polizia giudiziaria che avrebbero dovuto rimanere riservati. In seguito a quest’ultima fuga di notizie, la procura di Roma ha tolto la delega a seguire le indagini ai carabinieri del Nucleo operativo ecologico (NOE), il reparto scelto da Woodcock per aiutarlo nell’inchiesta.

Da allora sono emerse numerose irregolarità sulle modalità di indagine seguite dal NOE. Un capitano e un colonnello del NOE sono al momento indagati a Roma per falso e depistaggio per aver falsificato alcuni documenti spediti a Roma all’epoca del trasferimento dell’indagine e per aver mentito ai magistrati romani durante un interrogatorio.

Non è ancora chiara l’origine di un’altra fuga di notizie che ha colpito l’inchiesta, questa volta a favore degli indagati. A quanto sembra, la scorsa estate l’ex amministratore di CONSIP, Luigi Marroni, fu avvertito da cinque persone diverse che la sua società era oggetto di un’indagine. Marroni ha detto in un interrogatorio che tra le persone che lo avvertirono c’erano due generali dei carabinieri e il ministro dello Sport Luca Lotti (è la pubblicazione di questa notizia da parte di Lillo lo scorso dicembre che ha portato all’indagine di questi giorni).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.