Lorenzin ha ricordato a Di Battista come funzionano i vaccini in Italia

Il deputato del M5S ha detto in un'intervista che vorrebbe renderli tutti gratuiti, il ministro della Salute gli ha spiegato che funziona già così

(ANSA)

Ieri sera il deputato del Movimento 5 Stelle, Alessandro Di Battista, è stato ospite della trasmissione Piazza Pulita su La7 dove è stato intervistato su diversi temi da Corrado Formigli, il conduttore del programma. A una domanda sui vaccini e il M5S, spesso criticato per avere posizioni ambigue sulla loro importanza per contrastare la diffusione di malattie gravi e pericolose, Di Battista ha risposto dicendo che la proposta del suo partito sono “i vaccini gratuiti”.

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha risposto su Twitter a Di Battista per ricordargli come funzionano le vaccinazioni in Italia:

Volevo informarvi che con il Piano Nazionale Vaccini in Italia i vaccini sono già gratuiti.

Il governo ha reso gratuite tutte le vaccinazioni lo scorso gennaio, fino ad allora a pagamento in alcune regioni e gratis in altre. La decisione era stata assunta per incentivare il ricorso ai vaccini, in un periodo in cui si è verificato un sensibile calo delle vaccinazioni, secondo il ministero della Salute attribuibile in primo luogo alle campagne contro i vaccini. Solo nello scorso aprile in Italia ci sono stati 385 casi di morbillo, nello stesso mese del 2016 erano stati 76. Da inizio anno i casi di morbillo sono stati 1.920, che hanno interessato nell’88 per cento dei casi persone non vaccinate. Il 34 per cento dei pazienti ha avuto almeno una complicanza, il 40 per cento ha richiesto un ricovero.

Lorenzin presenterà al Consiglio dei ministri di oggi una proposta per rendere obbligatori i vaccini per chi iscrive i propri figli alle scuole elementari, in modo da rendere più alta la copertura vaccinale. Provvedimenti di questo tipo, per esempio per l’accesso agli asili nido, sono stati già assunti autonomamente da alcune regioni.

Mostra commenti ( )