(AFP PHOTO/GEOFF CADDICK)
  • Sport
  • mercoledì 10 maggio 2017

Come comprare i biglietti per la finale di Champions League 2017

La Juventus ha dato le prime informazioni su come verranno venduti, anche abbinati al viaggio, ma riservati a chi ha l'abbonamento o è socio dei vari club per i tifosi della società

(AFP PHOTO/GEOFF CADDICK)

La Juventus si è qualificata per la finale di Champions League, la sua seconda in tre anni, vincendo sia nell’andata che nel ritorno della semifinale contro il Monaco. L’altra finalista sarà decisa stasera, dopo la semifinale di ritorno tra Real Madrid e Atletico Madrid, in cui il Real parte avvantaggiato dopo aver vinto per 3 a 0 la prima partita. La finale di Champions League 2017 si giocherà sabato 3 giugno al Millennium Stadium di Cardiff, in Galles, a partire dalle 20.45. In Italia la trasmetterà Mediaset: non si sa ancora con certezza, ma con ogni probabilità verrà trasmessa anche in chiaro su Canale 5. Chi non si accontenta di guardarla in televisione può provare a comprare un biglietto per andare a vederla dal vivo, a Cardiff. Mercoledì la Juventus ha dato le prime informazioni su come verranno venduti, in due diverse fasi riservate a chi ha l’abbonamento o è socio dei vari club per i tifosi della società. Dalle prime informazioni rese disponibili dalla società sembra che non sarà possibile acquistarli per chi non rientra in queste due categorie.

Il Millenium Stadium ha poco meno di 75mila posti, ma per la finale di Champions League potrà ospitarne solo 66mila. Una piccola parte dei biglietti per quella sera è già stata venduta dalla UEFA, che a marzo ha aperto per una decina di giorni la possibilità a chiunque di partecipare al sorteggio di 5.500 biglietti, con prezzi compresi tra i 70 e i 460 euro: chi si era iscritto saprà se ha vinto i suoi biglietti (se ne potevano chiedere al massimo due) intorno a metà maggio. 24.500 altri biglietti saranno gestiti dalla UEFA, che li regalerà a sponsor, dipendenti e invitati speciali. Rimangono quindi 36mila biglietti, che saranno divisi tra la Juventus e l’altra squadra semifinalista.

La Juventus ha spiegato mercoledì come venderà i suoi 18mila biglietti: in una prima fase, saranno messi a disposizione delle persone che hanno un abbonamento per le partite in casa della Juventus: un pacchetto comprenderà il biglietto e il volo andata e ritorno; un altro comprenderà il biglietto e il viaggio in autobus, sempre andata e ritorno; un terzo comprenderà soltanto il biglietto, senza vincoli sul viaggio, le cui modalità andranno però comunicate alla società nel momento dell’acquisto. Nello stesso periodo di tempo, che non è ancora stato comunicato, i biglietti saranno venduti ai soci dello Juventus Premium Club, una particolare formula di abbonamento ai servizi offerti dalla squadra. Questi biglietti saranno venduti con «offerte specifiche i cui dettagli saranno comunicati in seguito». Finita questa fase, si aprirà la seconda, riservata a chi fa parte dei programmi di abbonamenti J1897, Juventus Member, e ai Tesserati Club Doc. In questa fase saranno messi in vendita pacchetti speciali, e anche quelli riservati agli abbonati che non sono stati venduti nella prima fase. La Juventus ha scritto che i biglietti rimanenti «saranno destinati a sponsor, personalità, giocatori, dipendenti della società e loro familiari». Non si conoscono ancora i prezzi dei pacchetti viaggio proposti dalla Juventus, né se per organizzarli si affiderà a un’agenzia particolare (per la finale di Champions League del 2015 erano stati gestiti dall’agenzia Franco Rosso). Non si sa neanche quando si apriranno le varie fasi della vendita.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.