Una ricostruzione della moschea distrutta nel bombardamento aereo americano ad al Jinah, in Siria (Forensic Architecture)
  • Mondo
  • martedì 18 Aprile 2017

Gli Stati Uniti hanno mentito su un bombardamento ad Aleppo?

La versione americana è che sia stata colpita al Qaida, ma non sta in piedi: i testimoni dicono che sono morti 40 civili, e solo loro

Una ricostruzione della moschea distrutta nel bombardamento aereo americano ad al Jinah, in Siria (Forensic Architecture)

Il 16 marzo scorso, pochi minuti prima delle 19 ora locale, un bombardamento aereo statunitense ha colpito e distrutto parte di un edificio ad al Jinah, una città controllata dai ribelli nella provincia di Aleppo, nel nord-est della Siria. Secondo il governo americano, l’attacco era diretto contro alcuni leader di al Qaida che si erano riuniti nell’edificio; secondo le testimonianze di molte persone presenti, il bombardamento ha colpito la moschea di Sayidina Omar ibn al-Khattab, dove si trovavano centinaia di civili per la preghiera della sera.

Dopo un’indagine durata un mese, il sito Bellingcat, fondato e diretto dal blogger britannico Eliot Higgins, l’organizzazione Human Rights Watch e l’agenzia Forensic Architecture, con sede all’Università di Londra, hanno confermato che l’edificio colpito era una moschea e hanno detto di non avere trovato prove della presenza sul posto di uomini di al Qaida. Stando alle informazioni raccolte finora, si può dire con ragionevole certezza che il 16 marzo gli Stati Uniti hanno bombardato per sbaglio una moschea scambiandola per un luogo di ritrovo di estremisti e terroristi, uccidendo quasi 40 civili.

moscheaLa posizione della moschea rispetto alla città di al Jinah, nella provincia di Aleppo (Forensic Architecture)

La versione degli Stati Uniti
Il 16 marzo, il giorno dell’attacco, il Centcom, il comando militare americano in Medio Oriente, Nordafrica e Asia centrale, ha diffuso un comunicato per dire che le forze statunitensi avevano appena compiuto un bombardamento aereo contro al Qaida nella zona di Idlib, uccidendo diversi terroristi. Già quel comunicato dava informazioni che si sono poi rivelate sbagliate: l’attacco era stato compiuto nella provincia di Aleppo, non di Idlib. Il portavoce del dipartimento della Difesa, il capitano Jeff Davis, ha detto poi durante una conferenza stampa che nel bombardamento erano stati uccisi diversi combattenti di al Qaida, e ha aggiunto che non c’era ragione di credere che ci fossero morti o feriti civili. Infine un portavoce dell’esercito statunitense ha detto che prima dell’attacco era stata compiuta un’ampia operazione di sorveglianza con l’obiettivo di prendere «misure straordinarie per limitare la perdita di vite civili».

centcomIl comunicato del Centcom dopo l’attacco: «Il 16 marzo le forze statunitensi hanno compiuto un attacco aereo contro un luogo dove si erano riuniti membri di al Qaida a Idlib, in Siria, uccidendo diversi terroristi»

Per confermare la sua versione, il dipartimento della Difesa statunitense ha diffuso una fotografia aerea che mostrava l’edificio colpito. Secondo il Pentagono, nell’attacco «volutamente non era stata colpita la moschea, che si trova nella parte sinistra della foto». Quindi secondo il governo americano l’edificio colpito – quello mezzo distrutto a destra della strada – sarebbe stato il luogo dove si stavano incontrando i leader di al Qaida.

pentagono

L’immagine diffusa dal dipartimento della Difesa statunitense, secondo cui la moschea sarebbe stata l’edificio a sinistra della strada, quella indicata nel rettangolo rosso, e non l’edificio a destra, quello mezzo distrutto.

Stando però alle testimonianze della popolazione locale e ai documenti raccolti da Forensic Architecture e da Human Rights Watch, l’edificio a destra della strada era una moschea la cui costruzione era cominciata nel 2013. Come dimostra il progetto ottenuto da Forensic Architecture e come conferma un video pubblicato su YouTube, l’edificio era su due piani: al piano terra c’erano due sale per la preghiera, una cucina, un bagno, una sala per lavarsi, mentre al primo piano c’era la residenza dell’imam.

collageIl piano terra e il piano superiore della moschea colpita dal bombardamento (Forensic Architecture)

Il bombardamento è stato compiuto da due droni Reapers. I droni hanno prima sganciato due bombe da 500 libbre (circa 220 chilogrammi l’una) sulla parte settentrionale della moschea, uccidendo tra gli altri anche la moglie dell’imam, che si trovava al piano superiore; poi hanno lanciato diversi missili più piccoli contro le persone che stavano scappando, come hanno raccontato diversi testimoni. Un funzionario americano ha detto che nell’attacco sono stati usati missili Hellfire.

bombeI due punti di impatto delle bombe sganciate sulla parte settentrionale della moschea (Forensic Architecture)

C’erano dei terroristi nella moschea?
È anche difficile concludere che la moschea fosse un ruolo di incontro per i jihadisti di al Qaida.

Bellingcat ha scritto che diversi abitanti di al Jinah hanno raccontato subito dopo l’attacco che l’edificio era usato soprattutto da Tablighi Jamaal, un movimento islamista sunnita globale e non politico, particolarmente diffuso nell’Asia meridionale ma con una presenza significativa anche nella provincia di Aleppo. Stando alle informazioni raccolte nell’ultimo mese, Tablighi Jamaal non ha alcuna affiliazione né vicinanza con lo Stato Islamico o con al Qaida. Sembra anche piuttosto improbabile che dei leader di al Qaida avessero scelto di incontrarsi in un posto come la moschea di Sayidina Omar ibn al-Khattab, visto che tutte le stanze del piano terra erano aperte al pubblico e che quelle dedicate alla preghiera non erano separate da alcuna porta dal resto dell’edificio.

Human Rights Watch ha fatto anche delle verifiche sui profili Facebook delle persone uccise nell’attacco e non ha trovato niente che potesse indicare un qualche legame con gruppi armati. Bellingcat ha verificato le foto e i video pubblicati online dopo l’attacco e non ha trovato tracce di armi, né altri segni della presenza di al Qaida nella moschea. Human Rights Watch ha concluso che le autorità statunitensi non hanno preso tutte le necessarie precauzioni per evitare le vittime civili, cioè quello che richiede in questi casi il diritto di guerra. Nel suo rapporto conclusivo, Human Rights Watch ha scritto:

«Anche se la moschea non aveva un minareto o una cupola visibile con la sorveglianza aerea, i residenti hanno detto che decine se non centinaia di persone si erano riunite nell’edificio all’ora della preghiera. La sorveglianza aerea dell’edificio avrebbe dovuto mostrarlo. I residenti hanno anche detto che la moschea era molto conosciuta e ampiamente usata dalla popolazione della zona. Qualsiasi tentativo di verificarlo contattando i locali che conoscevano quel tipo di edificio avrebbe molto probabilmente portato gli Stati Uniti a sapere che si trattava di una moschea.»