In Norvegia vogliono costruire un enorme tunnel per navi

Una galleria lunga 1.700 metri sotto una penisola dovrebbe servire per evitare tratti di mare molto turbolenti

In Norvegia c’è un progetto per costruire un enorme tunnel per navi, il primo di queste dimensioni, che consentirà di accorciare la rotta tra due fiordi, evitando di circumnavigare una penisola in tratti di mare piuttosto turbolenti. Il piano per la realizzazione della nuova infrastruttura è stato avviato alcuni anni fa e la costruzione vera e propria del tunnel dovrebbe iniziare già il prossimo anno. Il governo è nell’ultima fase di valutazione della fattibilità del progetto, che dovrebbe avere un costo complessivo di circa 250 milioni di euro.

La penisola di Stad si trova nella parte settentrionale della contea di Sogn of Fjordane, nell’ovest della Norvegia. Non avendo isole che la proteggono dal mare, la penisola è estremamente ventosa e questo ostacola spesso le rotte delle navi che costeggiano i fiordi, sia per il trasporto dei passeggeri sia per quello delle merci. Un tunnel sarebbe quindi la soluzione ideale per creare una nuova rotta che consenta di passare da un lato all’altro della penisola direttamente in nave.

rotta-tunnel

I primi progetti in tal senso risalgono alla seconda metà dell’Ottocento, ma solo alla fine degli anni Ottanta del secolo scorso furono avviati i primi veri progetti pilota, per verificare la fattibilità della costruzione. A distanza di quasi 30 anni, ora, le conoscenze tecniche, i mezzi e le risorse a disposizione sono adeguati per avviare lo scavo e creare la galleria.

nave-tunnel-norvegia

Il progetto prevede la costruzione di un tunnel alto 49 metri e largo 36 metri, con una lunghezza di 1.700 metri. I progettisti stimano che per realizzarlo sarà necessario rimuovere circa 3 milioni di metri cubi di materiale roccioso, equivalenti a circa 7,5 milioni di tonnellate. Lo scavo sarà realizzato in buona parte utilizzando trivelle e cariche esplosive, quindi in modo convenzionale. I lavori dovrebbero richiedere tra i 3 e i 4 anni di scavi per portare a termine la realizzazione del tunnel, che dovrà essere accompagnato da porti e infrastrutture ai due sbocchi per gestire il traffico marittimo.

L’idea è realizzare il tunnel in uno dei punti più stretti della penisola di Stad, in prossimità di due insenature dove il mare è di solito tranquillo. Le sfide tecniche sono comunque numerose e su una scala con pochi precedenti, considerato che nessuno ha mai realizzato un tunnel marittimo di queste dimensioni. Il progetto è sostenuto da molte amministrazioni locali, che vedono potenzialità per il turismo. A uno degli sbocchi dovrebbe essere costruito un ponte panoramico, per consentire ai turisti di osservare il passaggio delle navi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.