• Mondo
  • giovedì 30 Marzo 2017

In Indonesia un serpente ha ingoiato un uomo

Il cadavere di un 25enne è stato ritrovato all'interno di un pitone reticolato e la cosa è mostrata in un video che sembra essere autentico

di Amy B Wang - The Washington Post

La scoperta raccapricciante si è palesata centimetro dopo centimetro, mentre gli abitanti di un paese dell’isola indonesiana di Sulawesi si radunavano intorno a un pitone deforme e iniziavano ad aprirlo con un machete. Prima è apparsa la suola di uno stivale, e poi un paio di gambe. In un video di quasi sei minuti che è stato molto condiviso e pubblicato originariamente dal sito Tribun Timur, si vedono i presenti strillare e puntare delle torce sulla carcassa del serpente, che viene allargata sempre di più. La rilevazione macabra arriva alla fine: Akbar, un uomo di 25 anni che domenica era scomparso dal paese di Salubiro, era stato apparentemente ingoiato dal pitone, stando ad Associated Press e ad alcune ricostruzioni dei mezzi di informazione locali.

«Sembra sia stato attaccato da dietro, perché gli abbiamo trovato una ferita sulla schiena», ha detto ad Associated Press Junaedi, il segretario di Salubiro, che si trova nella provincia del Sulawesi occidentale (molti indonesiani usano un nome solo). Junaedi ha aggiunto che gli abitanti del paese avevano iniziato a cercare Akbar lunedì notte, dopo che domenica l’uomo non era ritornato da un raccolto in un campo di palme da olio. Mercoledì il gruppo di ricerca ha trovato «dei frutti di palma da olio, un attrezzo per la raccolta e uno stivale sparpagliati» e, poco lontano, un pitone reticolato di sette metri, ha scritto Associated Press. La polizia ha detto a BBC Indonesia di sospettare che il serpente avesse ingoiato l’uomo. Secondo il New York Times un gruppo di persone ha inseguito il pitone, l’ha ucciso e lo ha aperto con un machete. I molti video e le immagini della scena che hanno iniziato a circolare, ripresi da diverse angolature, mostrano il corpo dell’uomo ricoperto da quelli che sembrano essere i succhi gastrici del serpente.

Il pitone reticolato è il serpente più lungo e tra i più pesanti al mondo. Può arrivare fino a nove metri di lunghezza, ha detto Emily Taylor, una professoressa di scienze biologiche della California Polytechnic State University e funzionaria della non-profit Society for the Study of Amphibians and Reptiles. La dimensione del pitone reticolato nel video indica che quasi sicuramente il serpente era una femmina, senza dubbio più forte di una persona, ha detto Taylor. La dieta di un pitone è composta solitamente da mammiferi, dai roditori ai primati. Il serpente uccide la sua preda stritolandola, per poi ingerirla intera.
Ingoiare un uomo adulto sarebbe una cosa molto difficile – ma non impossibile – anche per un pitone particolarmente grande. La larghezza delle spalle di un essere umano può diventare un ostacolo per le mandibole del serpente, ha raccontato Taylor.

Gli attacchi dei pitoni agli esseri umani sono estremamente rari e le possibilità di essere ingoiati da un serpente gigante sono «minori di quelle di essere colpiti da un fulmine nello stesso momento in cui si vince alla lotteria», ha scritto Taylor in passato. Ciononostante, ogni tanto circolano storie di serpenti giganti che attaccano e mangiano essere umani. Molte si scoprono essere false e contengono segnali che rivelano la messa in scena, come per esempio l’assenza di succhi gastrici che ricoprono il “cadavere”, ha raccontato Taylor. «Quando si parla di grandi serpenti, onestamente le persone cercano di imbrogliare parecchio».

In passato il sito di fact-checking Snopes ha confutato diverse storie di esseri umani mangiati da pitoni, sottolineando come queste ricostruzioni – provenienti da Cina, Indonesia, Panama, Sudafrica, India e Malesia – usassero tutte la stessa foto di un serpente con un evidente rigonfiamento. «Non conosciamo ancora l’origine specifica di quest’immagine, né la causa del gonfiore del serpente (presumibilmente la dilatazione del corpo è dovuta al consumo di qualcosa di relativamente grande, un animale o altro), ma è chiaro che questo rettile – a volte identificato come boa constrictor invece che come pitone – non se ne sia andato in giro per il mondo saltando da un continente all’altro in cerca di prede umane con cui banchettare», ha scritto Snopes, «più probabilmente il serpente nella foto aveva mangiato di recente un animale di medie dimensioni, come un maiale».

Per quanto riguarda il video dall’Indonesia di questa settimana, Taylor ha detto di non essere in grado di determinarne l’autenticità, aggiungendo però che il fatto che l’evento sia stato filmato, e non documentato solamente con delle immagini, è notevole. «Il video non contiene forti segnali che indichino che si tratti di un falso», ha detto Taylor, «se fosse vero, sarebbe davvero triste che una persona sia morta». Wahdi Azmi, direttore degli studi sulla fauna selvatica della Syiah Kuala University, ha detto al New York Times che l’attacco dimostra l’importanza della tutela degli habitat per la gestione delle interazioni tra esseri umani e animali selvatici, aggiungendo che «il raro caso di una persona ingoiata da un pitone» è stato «un triste incidente».

© 2017 – The Washington Post