La pattinatrice Zahra Lari con lo hijab prodotta da Nike (Nike/AP)
  • Sport
  • mercoledì 8 marzo 2017

Nike venderà un modello sportivo di hijab

È il primo prodotto da un grande marchio, e renderà l'azienda molto competitiva in Medio Oriente

La pattinatrice Zahra Lari con lo hijab prodotta da Nike (Nike/AP)

Nike ha presentato il suo primo modello sportivo di hijab, il velo islamico usato più comunemente dalle donne, solitamente annodato intorno alla testa e al collo per coprire i capelli e il cui uso può variare da paese a paese. Il modello di hijab sviluppato da Nike è stato pensato appositamente per l’attività sportiva: è realizzato con un tessuto in poliestere elastico e traspirante ed è composto da un unico strato. Può essere regolato sulla testa con delle fasce elastiche e adattato a seconda delle diverse attività sportive. Con l’introduzione sul mercato di questo modello, prevista per il prossimo anno, Nike diventerà probabilmente il principale distributore di hijab sportivi e aumenterà la sua presenza soprattutto in Medio Oriente, dove già sta aprendo diversi punti vendita.

Tutti i modelli sportivi di hijab commercializzati finora sono stati prodotti da aziende d’abbigliamento poco più che locali, e nonostante i miglioramenti avvenuti nel corso degli anni, nessun modello esistente si avvicina a quello sviluppato in più di un anno da Nike, per praticità e materiali usati. Nella presentazione del suo hijab, Nike ha rilasciato un breve comunicato, in cui dice: «Il Nike Pro Hijab ha richiesto un anno di lavoro, ma l’idea alla base della sua realizzazione risale a molto prima, ovvero al principio fondativo di Nike, quello di servire gli atleti: “Se hai un corpo sei un atleta”. La realizzazione del Nike Pro Hijab è partita dalla richiesta di alcune atlete musulmane, che ne avevano bisogno per poter migliorare le loro prestazioni».

TAG: ,

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.