L'ex calciatore svedese Patrik Andersson dopo aver pescato la Roma (FABRICE COFFRINI/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • venerdì 24 Febbraio 2017

Europa League, la Roma giocherà contro il Lione

L'unica italiana ancora in corsa è stata sorteggiata con il Lione, probabilmente la squadra più forte degli ottavi, dopo il Manchester United (e la Roma)

L'ex calciatore svedese Patrik Andersson dopo aver pescato la Roma (FABRICE COFFRINI/AFP/Getty Images)

Il sorteggio degli ottavi di finale della UEFA Europa League 2016/2017 si è tenuto oggi alle 13 presso la sede della UEFA a Nyon, in Svizzera. Vi hanno partecipano sedici squadre provenienti da dieci diverse nazioni, e a rappresentare l’Italia c’era solamente la Roma, che è stata sorteggiata contro il Lione, una delle squadre più forti ancora in gioco.

Le partite degli ottavi sorteggiate oggi:

Celta Vigo – Krasnodar
APOEL Nicosia – Anderlecht
Schalke 04 – Borussia Mönchengladbach
Lione – Roma
Rostov – Manchester United
Olympiacos – Beşiktaş
Gent – Genk
Copenaghen – Ajax

Il Lione è stato “retrocesso” in Europa League dopo aver concluso al terzo posto il suo girone di Champions League, davanti alla Dinamo Kiev e dietro a Siviglia e Juventus. Nel campionato francese è quarto, dietro Nizza, PSG e Monaco. È una squadra molto talentuosa, con giocatori richiesti dalle migliori squadre d’Europa, come Alexandre Lacazette, Nabil Fekir e Corentin Tolisso. Fra le altre partite sorteggiate ci saranno due derby: quello tedesco fra Schalke 04 e Borussia Mönchengladbach e quello belga tra Gent e Genk. Le partite di andata e ritorno degli ottavi di Europa League si giocheranno il 9 e 16 marzo, alle 19 e alle 21: ulteriori dettagli su date e orari verranno pubblicati al termine del sorteggio.

Le sedici squadre in corsa

Fra mercoledì e giovedì si sono disputate le partite di ritorno dei sedicesimi di finale, e ci sono state parecchie sorprese, a partire da Londra. A Wembley infatti il Tottenham ha pareggiato 2-2 contro la squadra belga del Gent, la stessa che l’anno scorso arrivò a sorpresa agli ottavi di finale di Champions League. Dopo la sconfitta per 1-0 subita all’andata in Belgio, il pareggio in casa è costato l’eliminazione al Tottenham, che era dato tra le favorite per la vittoria del torneo. Un’altra squadra belga, l’Anderlecht, ha eliminato lo Zenit San Pietroburgo di Mircea Lucescu, una delle squadre più ricche della competizione, grazie al maggior numero di gol segnati in trasferta. Fenerbahce e Athletic Bilbao, altre due squadre che sarebbero potute arrivare fino in fondo, sono state invece eliminate rispettivamente dai russi del Krasnodar e dalla squadra cipriota dell’APOEL Nicosia.

16-europa-league

Di conseguenza il numero di squadre di prima fascia ancora in corsa è diminuito: di squadre sulla carta nettamente superiori ci sono solamente Manchester United, Roma e Lione, con Beşiktaş, Schalke 04 e Krasnodar appena dietro.

Le italiane

L’anno scorso, ai sedicesimi di finale di Europa League, l’Italia portò tre squadre. Quest’anno ne aveva solamente due: Fiorentina e Roma, in quanto Inter e Sassuolo non sono riuscite a passare i propri gironi. La Roma è passata agli ottavi abbastanza agevolmente. Ha eliminato il Villarreal, una delle squadre più quotate, dopo averlo sconfitto 4-0 in trasferta nella partita di andata. Ieri sera, nel ritorno, ha perso 1-0 in casa, ma il Villarreal avrebbe dovuto fare altri tre gol per andare ai supplementari, o quattro per passare il turno dopo i novanta minuti. Viste le eliminazioni di squadre come Tottenham e Zenit, ora la Roma può veramente pensare di competere fino alla fine, per la vittoria.

La Fiorentina invece è stata eliminata dal Borussia Mönchengladbach, gettando via il vantaggio acquisito dalla vittoria in trasferta per 1-0 e i due gol segnati dopo appena mezz’ora di gioco nella partita di ieri sera. Il Borussia Mönchengladbach è riuscito a segnare quattro gol in poco più di un quarto d’ora: nei minuti finali la Fiorentina ha provato a reagire, ma debolmente. Dopo la partita un centinaio di tifosi si sono radunati fuori dall’Artemio Franchi per contestare squadra e società.