• Media
  • sabato 18 febbraio 2017

La Bild ha chiesto scusa per un articolo pieno di accuse inventate

Aveva scritto di violenze sessuali compiute da alcuni migranti a Francoforte la notte di Capodanno: la polizia ha scoperto che i testimoni se lo erano inventato

Il 6 febbraio la Bild – il famoso tabloid tedesco e la rivista più venduta in Europa – ha scritto che nella notte di Capodanno c’erano stati a Francoforte – in centro, nell’area di Freßgass numerosi casi di tentata violenza sessuale da parte di alcuni migranti, in un caso che sembrava simile a quello accaduto nella notte di capodanno tra il 2015 e il 2016 a Colonia, sempre in Germania. Il 14 febbraio la Bild ha chiesto scusa, spiegando che l’articolo «non rispettava in alcun modo i suoi standard di giornalismo», che le accuse non avevano nessun fondamento e che, anzi, due persone sono indagate per essersi inventate la cosa.

Nell’articolo del 6 febbraio – ora non più disponibile online – la Bild aveva riportato le dichiarazioni di Jan Mai, un ristoratore di 50 anni, e di una donna di 27 anni. Jan Mai aveva parlato di circa 50 musulmani che avevano creato problemi nel suo ristorante, assalendo alcune donne e rubando alcune giacche. La donna aveva detto di essere stata palpeggiata e che un migrante le aveva infilato la mano sotto la sua gonna. Come spiegato dalla polizia di Francoforte, non ci sono prove o conferme di quanto detto dalle due persone e, anzi, molte persone presenti sul posto quella sera hanno smentito tutto.

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.