(Gustavo Caballero/Getty Images for SiriusXM)
  • Cultura
  • venerdì 10 Febbraio 2017

Sanremo, chi è Robin Schulz (lo conoscete già, anche se non lo sapete)

Ha remixato un paio di canzoni che avete sentito sicuramente, "Prayer in C" e "Waves", e di recente ha collaborato con David Guetta

(Gustavo Caballero/Getty Images for SiriusXM)

Robin Schulz, DJ e produttore musicale tedesco, sarà l’ospite internazionale della quarta serata del Festival di Sanremo, in diretta questa sera su Rai Uno. Schulz ha 29 anni ma è già piuttosto noto in tutto il mondo: ha pubblicato solamente due dischi ma ha realizzato decine di collaborazioni, ed è probabile che negli ultimi due-tre anni abbiate ascoltato una delle sue canzoni magari senza sapere che fosse sua.

Schulz è attivo dal 2007, ma è diventato improvvisamente popolarissimo nel 2014 per due canzoni, diffuse nel giro di pochi mesi. Entrambe sono dei remix: la prima fu “Waves”, una canzone pubblicata nel 2013 dal rapper olandese Mr Probz ma circolata in tutto il mondo nella versione di Schulz; la seconda è stata “Prayer in C”, una delle canzoni più popolari di tutto il 2014. “Prayer in C” uscì per la prima volta nel disco d’esordio dei Lilly Wood and the Prick, un gruppo indie rock francese. Era il 2010: quattro anni dopo, Schulz la remixò rendendola molto più ballabile, e la canzone finì al primo posto nelle classifiche di mezzo mondo.

La sua ultima canzone – e forse quella che suonerà stasera a Sanremo – è “Shed a Light”, diffusa nel novembre del 2016 e realizzata con il celebre DJ David Guetta e il trio di elettronica Cheat Codes.