(Da "Arrival")

Stasera cinema?

"Arrival", se volete vedere quello di cui si parla meglio; quello nuovo di Ficarra e Picone se vi piace il genere; il nuovo "xXx" se cercate tanta azione e poco altro

(Da "Arrival")

Il 24 gennaio saranno annunciate le candidature per l’89esima edizione degli Oscar, e ci sono buone possibilità che in più di una categoria ci sia Arrival, la nuova uscita più interessante di questi giorni: perché è un film di fantascienza con una storia atipica, con molta scienza, con effetti speciali misurati ma molto apprezzati e con un’ottima interpretazione di Amy Adams nel ruolo di una linguista che deve provare a comunicare con gli alieni, da poco arrivati sulla Terra. Il film più visto al cinema in Italia in questi giorni è stato però L’ora legale, di-e-con Ficarra e Picone: una buona e originale commedia italiana, dicono. Se invece volete vedere Vin Diesel che scia nella giungla è uscito anche xXx Il Ritorno di Xander Cage.

Arrival

È un film di fantascienza ma non è il solito film di fantascienza: perché la protagonista è una linguista e perché potrebbe avere qualche possibilità agli Oscar (cosa che succede di rado per film di questo genere). I protagonisti sono Amy Adams, che interpreta una linguista che deve provare a comunicare con gli alieni, e Jeremy Renner nel ruolo di uno scienziato; il regista è il canadese Denis Villeneuve, che ha già diretto Prisoners, Enemy e Sicario. L’Atlantic ha messo Arrival, che è tratto da un racconto di circa 60 pagine scritto dall’americano Ted Chiang, al primo posto della classifica dei migliori film del 2016 (negli Stati Uniti è uscito già da tempo) e ha scritto che è «epico e intimo» allo stesso tempo, e che fa pensare ed emozionare.

Nel film ci sono due – ahem – personaggi che nella versione italiana vengono chiamati Tom e Jerry. Nella versione inglese il loro nome è Abbott e Costello (i due comici che in Italia conosciamo come Gianni e Pinotto).

L’ora legale

Nel suo primo giorno al cinema è stato il film più visto in Italia, con grande distacco sul secondo. È una commedia di Ficarra e Picone (cioè Salvatore Ficarra e Valentino Picone), che ne sono interpreti, registi e sceneggiatori. L’ora legale è il loro quinto film da protagonisti e i critici hanno scritto che fa ridere senza mai essere volgare e ha anche qualche momento un po’ più serio. L’idea generale è: se vi sono piaciuti nei loro film precedenti, vi piaceranno anche qui; se non li avete mai visti al cinema e vi piacciono le commedie italiane, potrebbe essere il caso di dar loro una possibilità. È divertente, ma meno “favola che finisce bene” rispetto a molti altri. Qualcuno ha addirittura scritto che è «un documento del momento storico-politico che stiamo attraversando». L’ora legale parla di un paese della Sicilia in cui – dopo anni di corruzione – viene eletto un sindaco onestissimo, con i molti conseguenti malintesi.

Tra gli sceneggiatori c’è anche Edoardo De Angelis, regista di Indivisibili, uno dei film italiani che nel 2016 sono stati più apprezzati dalla critica (e da Paolo Sorrentino che avrebbe voluto candidarlo al premio Oscar per il miglior film straniero).

xXx: Il Ritorno di Xander Cage

È il sequel di xXx (del 2002) e xXx 2: The Next Level, uscito nel 2005. È un film d’azione – esplosioni, pugni, inseguimenti – e il protagonista è l’attore statunitense Vin Diesel, protagonista del primo film ma non del secondo. xXx: Il Ritorno di Xander Cage è diretto da D. J. Caruso (il regista di Disturbia) e nel cast ci sono anche Samuel L. Jackson, Nina Dobrev, Ruby Rose e Donnie Yen. Nel trailer c’è Vin Diesel – che interpreta una specie di James Bond bravissimo negli sport estremi – che scia, nella giungla. Per quanto riguarda la trama, un buon indizio lo dà il personaggio interpretato da Samuel L. Jackson, che dice al protagonista: «Le semplifico il concetto. Prenda a calci dei culi e cerchi la droga mentre lo fa».

xXx: Il Ritorno di Xander Cage non cerca di piacere ai critici cinematografici, e infatti le recensioni sono in genere tutte negative. In sintesi: le scene d’azione sono belle e se vi piace Vin Diesel che fa il duro, c’è Vin Diesel che fa il duro, ma nel complesso la trama è debole e si ha l’idea che il film sia l’inefficace tentativo di ridare vita a una saga ormai senza futuro, oscurata tra le altre da Fast & Furious. Se invece Vin Diesel lo preferite quando fa l’albero, non manca molto ad aprile, quando uscirà Guardiani della Galassia Vol. 2. Dove Vin Diesel fa l’albero piccolo.

Qua la zampa!

È un film con protagonista un cane, che in italiano ha la voce di Gerry Scotty. È tratto dal romanzo Dalla parte di Bailey è racconta una storia piuttosto originale: parla di un cane che si reincarna più volte in altri cani e che, ricordando tutte le sue vite passate, cerca di capire il senso della vita. La storia, sia del romanzo che del film, è narrata dal punto di vista del cane, e tra gli interpreti umani del film c’è Dennis Quaid. Il regista è lo svedese Lasse Hallström, che tra gli altri ha diretto Le regole della casa del sidro, Chocolat e Hachiko (un altro film con protagonista un cane).

Le recensioni parlano abbastanza bene di Qua la zampa!, che così come Hachiko sembra un po’ meglio della maggior parte dei film coi cani, che di solito sono piuttosto scarsi. Da qualche giorno il film ha un po’ di problemi, dopo che il sito statunitense TMZ ha pubblicato un video girato nel 2015 durante le riprese: si vede uno dei cani, un pastore tedesco, che viene forzatamente spinto verso una piscina con dell’acqua in movimento, per ricreare l’effetto di un fiume. Alla fine il cane finisce in acqua e sembra venirne sommerso, finché qualcuno urla “taglia!”. L’anteprima del film a Los Angeles è stata cancellata, la produzione ha detto che sta cercando di capire le eventuali responsabilità mentre varie associazioni – tra cui la PETA – hanno chiesto di boicottare il film.

Oppure

Restano nei cinema Silence (il nuovo film di Martin Scorsese: capolavoro per qualcuno; lento, pesante e noioso per certi altri standard), The Founder – in cui Michael Keaton interpreta Jay Kroc, l’uomo che fondò la società McDonald’s prendendosela dai fratelli McDonald – e Allied – Un’ombra nascosta, un film thriller, romantico e d’azione con un grande regista (Robert Zemeckis) e due ottimi attori: Brad Pitt e Marion Cotillard. Un altro film di cui si parla piuttosto bene è Dopo l’amore diretto da Joachim Lafosse e con una produzione franco-belga, che parla di una coppia con figli che dopo 15 anni decide di divorziare.