• Sport
  • giovedì 19 gennaio 2017

Le squadre di calcio più ricche del mondo

Secondo l'annuale classifica di Deloitte: per la prima volta in 12 anni il Manchester United è al primo posto, seguito da Barcellona e Real Madrid

Due operai lavorano alla facciata esterna dell'Old Trafford di Manchester (PAUL ELLIS/AFP/Getty Images)

È stato pubblicato oggi da Deloitte, una delle più importanti società di consulenza e servizi finanziari, l’edizione annuale della Football Money League, una classifica delle squadre di calcio ordinata in base al fatturato nella stagione sportiva precedente, tenendo in considerazione le principali operazioni commerciali. I dati sono ricavati dai bilanci annuali delle società o da altre fonti dirette a disposizione di Deloitte, e sono suddivisi in tre voci: le entrate derivanti dalla vendita dei biglietti e degli abbonamenti e tutte le altre attività commerciali relative allo stadio nei giorni delle partite giocate in casa (“matchday”); le entrate relative alla vendita dei diritti televisivi delle partite (“broadcasting”); e le entrate dal merchandising e dai contratti con gli sponsor (“commercial”). La classifica non tiene conto di eventuali plusvalenze derivanti dalla compravendita di giocatori.

Dopo dodici anni consecutivi al primo posto, il Real Madrid è sceso in terza posizione, pur avendo aumentando il proprio fatturato di 50 milioni di euro rispetto alla passata stagione. Al primo posto ora c’è il Manchester United, che ci ritorna per la prima volta dal 2004. Il fatturato della squadra di Mourinho, Ibrahimovic e Pogba si avvicina ai 700 milioni di euro, quasi 60 in più di quelli del Barcellona. Le altre due squadre che rientrano nelle prime cinque posizioni sono Bayern Monaco e Manchester City. Dall’ultima classifica pubblicata da Deloitte ci sono due novità: l’ingresso fra le prime venti posizioni del West Ham e del Leicester City, quest’ultimo arrivato grazie alla vittoria della Premier League nella passata stagione. Per le tre squadre italiane presenti nella classifica invece, la situazione non è cambiata di molto. La Juventus rimane al 10mo posto, così come la Roma è sempre ferma in 15ma posizione. Il Milan ha perso due posizioni e ora è 16mo: un calo dovuto principalmente alle difficoltà che la squadra sta avendo da almeno tre stagioni e dalla sua situazione societaria poco chiara. L’altra squadra di Milano, l’Inter, è invece salita di una posizione.

Nell’edizione di quest’anno, per piazzarsi entro le prime venti posizioni occorreva avere un fatturato di almeno 170 milioni di euro: l’anno precedente la soglia minima era di 160 milioni di euro e due anni fa di 100. Nella prima edizione della Deloitte Football Money League, relativa alla stagione 1996/97, l’unica squadra ad aver generato più di 100 milioni fu il Manchester United.