Vi ricordate il caso Guidi?

È stata chiesta l'archiviazione dell'inchiesta che a marzo occupò per giorni le prime pagine e portò alle dimissioni dell'ex ministra dello Sviluppo economico

(ANSA/ GIUSEPPE LAMI)

Martedì 10 gennaio la procura di Roma ha chiesto l’archiviazione dell’indagine che ha coinvolto Gianluca Gemelli, ex compagno dell’ex ministra dello Sviluppo economico Federica Guidi, accusato nel marzo del 2016 di aver approfittato della carica di Guidi per interessi economici personali legati al progetto di un centro di estrazione petrolifera in Basilicata. L’inchiesta aveva occupato per giorni le prime pagine dei giornali: dopo la pubblicazione delle intercettazioni telefoniche e l’indagine su Gemelli, aperta lo scorso marzo dalla procura di Potenza, Guidi si era dimessa. In quell’occasione l’allora presidente del Consiglio Matteo Renzi fece un commento molto duro sulla procura di Potenza – quella famosa per Henry John Woodcock, il controverso magistrato che per anni ne è stato il simbolo – dicendo che «le indagini sul petrolio in Basilicata si fanno ogni quattro anni, e non vanno mai a sentenza».

Secondo la procura di Potenza, Gemelli aveva interessi commerciali legati all’avanzamento dei lavori per la costruzione dell’impianto di Tempa Rossa, in Basilicata, che ai tempi dell’indagine erano bloccati da molti mesi a causa delle proteste di associazioni e comuni legate ai pericoli di inquinamento ambientale. Nella legge di stabilità del 2015, preparata dal governo Renzi, fu inserito un maxiemendamento che aggiungeva le opere come l’impianto di Tempa Rossa tra quelle la cui approvazione competeva al governo – precisamente al ministero dello Sviluppo Economico, cioè a Federica Guidi – e non agli enti locali, rendendo così più facile lo sblocco dei lavori. In un’intercettazione del 5 novembre 2014, Guidi era stata ascoltata mentre rassicurava Gemelli sul fatto che l’emendamento – che era stato bocciato in precedenza – sarebbe stato discusso nuovamente al Senato. In un’altra intercettazione Gemelli aveva chiamato al telefono il dirigente della Total Giuseppe Cobianchi per comunicargli la “buona notizia”, cioè che l’emendamento sarebbe stato inserito dal governo nel maxi-emendamento alla legge di stabilità e che quindi sarebbe stato approvato in breve tempo. Guidi non era stata indagata ma Gemelli sì, in sostanza per essersi approfittato della posizione della ministra, allora sua compagna.

L’archiviazione dell’indagine su Gemelli – che nel giugno scorso era passata dalla procura di Potenza a quella di Roma, per questioni di competenza territoriale – è stata chiesta dal pm Roberto Felici, che l’ha motivata spiegando che «Gemelli deriva la propria autorevolezza dal fatto di essere notoriamente il compagno del ministro Guidi, condizione che egli spende con una certa spregiudicatezza anche millantando, in modo più o meno esplicito, la possibilità di trarre vantaggio da tale sua condizione», ma precisando che «aldilà di tali censurabili atteggiamenti non emerge che egli abbia mai richiesto compensi per interagire con esponenti dell’allora compagine governativa». L’archiviazione è stata chiesta anche per gli altri principali indagati nella vicenda, tra cui l’ammiraglio Giuseppe De Giorgi, ex capo di Stato maggiore della Marina militare italiana, e Nicola Colicchi, ex consulente della Camera di Commercio di Roma, che erano accusati di abuso di ufficio e associazione a delinquere per il loro presunto ruolo nello scambio di favori tra il ministro Guidi e la Marina, che secondo le ricostruzioni della procura era avvenuto con la mediazione di Gemelli.

L’inchiesta su Gemelli, De Giorgi e Colicchi è stata stralciata da quella principale, che riguarda l’impianto di Tempa Rossa. Ai tempi dell’indagine, le accuse contro il ministro Guidi e Gemelli finirono su tutte le prime pagine: la notizia della sua archiviazione è invece stata perlopiù snobbata dai giornali italiani, come ha fatto notare il direttore del Foglio Claudio Cerasa. Il Corriere ha riportato la notizia a pagina 11, il Fatto Quotidiano a pagina 9.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.