Due steward del King Power Stadium prima della partita tra Leicester ed Everton (Laurence Griffiths/Getty Images)
  • Sport
  • martedì 27 dicembre 2016

La protesta dei tifosi del Leicester con le maschere di Jamie Vardy

Contro la squalifica del loro giocatore più forte, in un momento di grande difficoltà per la squadra

Due steward del King Power Stadium prima della partita tra Leicester ed Everton (Laurence Griffiths/Getty Images)

L’attaccante del Leicester City Jamie Vardy è stato squalificato per tre giornate di campionato per l’espulsione rimediata nel corso della partita contro lo Stoke City, dopo un contestato fallo su Mame Biram Diouf. Il Leicester ha già presentato ricorso contro quella che definisce una squalifica “ingiusta”, e ieri, per la partita giocata in casa contro l’Everton, il club ha organizzato una scenografica protesta, preparando trentamila maschere di Vardy e posizionandole sopra i seggiolini del King Power Stadium. Molti tifosi le hanno poi indossate durante la partita, la prima delle tre che Vardy dovrà saltare, e così ha fatto lo stesso Vardy, presente sugli spalti.

Il Leicester di Ranieri è stato poi sconfitto dall’Everton per 2 a 0 ed è rimasto fermo al 16mo posto in classifica a soli tre punti di distanza dalla zona retrocessione. Nelle ultime cinque partite è riuscito a vincere solo contro il Manchester City, ha pareggiato con lo Stoke e ha perso contro Everton, Bournemouth e nella sfida salvezza contro il Sunderland.