• Mondo
  • sabato 24 dicembre 2016

Il North Carolina è ancora una democrazia?

Esperti e politologi cominciano a dubitarne: è colpa soprattutto del "gerrymandering" (sapete cos'è?) ma anche di una legge approvata da poco

La General Assembly del North Carolina, cioè il parlamento dello stato, a Raleigh (Wikimedia Commons)

L’Electoral Integrity Project (EIP) è un progetto di studio dell’Università di Harvard e dell’Università di Sydney che valuta quanto le elezioni che si svolgono in tutto il mondo rispettino i principi democratici. Secondo le stime fatte dopo le ultime elezioni negli Stati Uniti, l’EIP ha dato punteggi molto bassi ad alcuni stati americani, che li mettono al livello di paesi governati da regimi autoritari: tra questi c’è il North Carolina, come ha spiegato il professore di scienze politiche Andrew Reynolds sul Charlotte Observer, un quotidiano locale.

Ci sono un po’ di problemi noti nei sistemi elettorali degli stati americani (per non parlare degli Stati Uniti in quanto stato federale: è appena stato eletto presidente il candidato che ha ottenuto quasi tre milioni di voti in meno del suo avversario). Secondo l’ultimo rapporto dell’EIP ci sono dodici stati meno democratici del North Carolina – i peggiori sono Tennessee, Wisconsin e Arizona – in base all’indice PEI (Perceptions of Electoral Integrity). Il North Carolina è però quello che ha ottenuto il punteggio più basso (7 su 100) per quanto riguarda il disegno dei confini dei collegi elettorali, e nell’ultimo anno è stato al centro di una grande polemica per via di una legge discriminatoria che obbliga le persone transgender a utilizzare bagni o spogliatoi pubblici che corrispondano al loro sesso di nascita: per questo è un buon esempio per capire quali siano i problemi di carenza di democrazia negli Stati Uniti.

Il North Carolina si trova sulla costa atlantica ed è lo stato che per l’EIP si è “classificato” 39esimo in base all’indice Perceptions of Electoral Integrity nel 2016. Dal 2013 è stato governato dal Repubblicano Pat McCrory, che alle elezioni dell’8 novembre è stato sconfitto per 10mila voti dal Democratico Roy Cooper, che sarà ufficialmente in carica dal 1 gennaio.

Complessivamente il North Carolina ha ottenuto un punteggio di 58 su 100 secondo il PEI; i paesi del mondo a cui l’Electoral Integrity Project ha assegnato punteggi del genere sono Cuba, Indonesia e Sierra Leone. Se si considerano i punteggi relativi solo alle leggi elettorali e al modo in cui gli elettori vengono registrati, il North Carolina è simile all’Iran e al Venezuela. Per quanto riguarda il disegno dei confini dei collegi elettorali il North Carolina è peggiore di qualsiasi paese del mondo, non solo degli stati americani: in questo stato il cosiddetto gerrymandering, la pratica di disegnare strumentalmente i confini dei collegi in modo da influenzare il risultato elettorale (per esempio dividendo geograficamente le zone dove vivono le minoranze, perché i loro voti contino di meno), è stato fatto con particolare cura, diciamo. Nella lista dei 18 collegi americani con le forme più strane che il Post ha messo insieme qualche mese fa ci sono ben quattro collegi del North Carolina. In generale la questione dei confini dei collegi elettorali è quella che abbassa di più il PEI degli stati americani.

Secondo l’analisi di Reynolds, in North Carolina ci sono tre problemi che limitano la rappresentanza politica dei cittadini. Il primo è che il potere legislativo risulta scollegato dai voti dei cittadini, perché con il sistema maggioritario il partito che si aggiudica più o meno la metà dei voti per eleggere l’assemblea parlamentare controlla interamente quali leggi vengono approvate: dal 2011 il Partito Repubblicano ha la maggioranza sia alla Camera che al Senato locale, e dal 2013 ha una cosiddetta “supermaggioranza” (cioè controlla più di tre quinti dei seggi, e per questo è libera dal veto del governatore), confermata anche nelle elezioni dello scorso 8 novembre, nonostante il governatore eletto sia Democratico. Le leggi statali consentono al partito che controlla la maggioranza in parlamento di porre il veto su qualsiasi provvedimento proposto dall’opposizione: per questo, spiega Reynolds, anche avendo quasi la metà dei voti dei cittadini, il partito di opposizione ha «lo 0 per cento del potere legislativo».

Il secondo problema democratico del North Carolina sono alcune leggi discriminatorie. La più famosa è la legge sui bagni pubblici contro le persone transgender. Il 21 dicembre il parlamento dello stato non ha cancellato la legge, che ha causato gravi danni economici al North Carolina per i boicottaggi sia all’interno che dall’esterno dello stato, come era stato richiesto dal governatore eletto. Un’altra legge discriminatoria è quella che ha portato al più recente gerrymandering: nel giugno 2017 la Corte Suprema degli Stati Uniti dovrà stabilire se il disegno dei confini di 30 collegi fatto dai Repubblicani nel 2011 sia illegale in quanto condizionato dalla distribuzione delle minoranze etniche, come giudicato da un tribunale statale e da uno federale. Inoltre le più recenti leggi statali (che hanno limitato la possibilità di accedere all’aborto) mettono dei limiti alla possibilità delle donne del North Carolina di essere cittadine autonome, dice Reynolds.

Il terzo problema del North Carolina, secondo Reynolds, è che il potere esecutivo, cioè quello del governatore, è esercitato in modo slegato dal volere dei cittadini, perché il partito che ha la maggioranza parlamentare può ridurne l’impatto. Siccome il nuovo governatore si elegge a novembre ma entra in carica a gennaio, negli anni il partito di maggioranza parlamentare ha approvato leggi per togliere poteri al governatore, qualora le elezioni fossero state vinte dal candidato del partito opposto. Il risultato è che il governatore del North Carolina ha da anni molti meno poteri rispetto ai governatori degli altri stati: già negli anni Novanta era tra i tre governatori più deboli di tutti gli Stati Uniti.

Nel 1996 i suoi poteri sono aumentati grazie al diritto di veto, ma di recente i poteri del governatore sono stati di nuovo ridotti dal parlamento Repubblicano, in previsione del passaggio di potere da McCrory a Cooper, con l’approvazione di una legge che prevede la fusione tra la vecchia commissione elettorale e una commissione dedicata all’etica delle istituzioni e fa sì che siano composte da un numero pari di Repubblicani e Democratici: se la legge non fosse stata approvata, Cooper avrebbe avuto il potere di nominare una maggioranza Democratica all’interno della commissione elettorale.

Poco prima di lasciare il suo ufficio, il governatore uscente McCrory ha firmato un’altra legge che stabilisce che il Senato debba approvare i membri del governo statale scelti dal governatore, e che il numero di dipendenti del suo ufficio sia tagliato da 1.500 a 300. Il New York Times ha definito queste leggi una grossa forzatura, quasi un colpo di stato, per via dell’esplicito fine di sabotare il lavoro di una carica istituzionale. Secondo gli esperti, però, queste mosse saranno controproducenti per i Repubblicani: Cooper è stato eletto anche per via delle proteste contro la prepotenza del Partito Repubblicano. I Repubblicani si giustificano dicendo che i Democratici si sono comportati allo stesso modo negli anni Ottanta, quando dominavano sulla politica del North Carolina, ma all’epoca erano stati limitati i poteri del vicegovernatore e non del governatore stesso.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.