Barack Obama e la cantante Diana Ross (NICHOLAS KAMM/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • mercoledì 23 novembre 2016

Le foto della cerimonia per le Presidential Medal of Freedom

La più importante onorificenza civile statunitense è stata consegnata ieri a 21 persone da Barack Obama, per la sua ultima volta

Barack Obama e la cantante Diana Ross (NICHOLAS KAMM/AFP/Getty Images)

Martedì sera, con una cerimonia alla Casa Bianca, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha consegnato a 21 personalità importanti in diverso modo per la cultura americana le Presidential Medal of Freedom, la più alta onorificenza civile statunitense. Tra le persone premiate ci sono celebrità come Michael Jordan, Bruce Springsteen, Robert Redford, Tom Hanks, Robert De Niro, Diana Ross e Ellen DeGeneres (che dopo aver quasi perso la cerimonia per essersi dimenticata la carta di identità si è molto commossa per il bel discorso di Obama) e meno noti ma importantissimi architetti, scienziati, artisti, avvocati e scrittori (qui trovate la lista completa dei vincitori di quest’anno).

La cerimonia di quest’anno è stata l’ultima di Barack Obama, che il prossimo gennaio lascerà l’incarico di presidente, dopo l’elezione di Donald Trump come suo successore. È stata cordiale e divertente, e Obama ha fatto diverse battute agli ospiti in sala scherzando per esempio sul fatto che non bisognerebbe mai viaggiare con Tom Hanks (che ha fatto film su pirati, aerei precipitati, persone bloccate per anni negli aeroporti) e che Michael Jordan è “più di un meme“, facendo riferimento al famoso meme di internet, ma la definizione di “qualcuno indiscutibilmente bravo nella cosa che fa”.

Alla fine tutti i partecipanti hanno anche deciso di vincere il gioco del mannequin challenge.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.