Saul Niguez dopo il gol segnato al Bayern Monaco (Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)
  • Sport
  • lunedì 21 novembre 2016

I dieci gol più belli dell’anno

Li ha scelti la FIFA, sono i candidati al Puskás Award: ci sono i soliti Messi e Neymar, ma anche un calciatore malese e una venezuelana

Saul Niguez dopo il gol segnato al Bayern Monaco (Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

La FIFA ha diffuso oggi la lista dei dieci gol candidati al Puskás Award 2016, il premio che la FIFA assegna al gol più bello dell’anno. Il Puskás Award è stato fondato nel 2009 ed è intitolato a Ferenc Puskás, un grande giocatore ungherese degli anni Cinquanta considerato tra i più forti attaccanti della storia del calcio. La FIFA compila una lista con dieci gol segnati nell’anno solare, scelti con alcuni criteri: oltre a dover essere dei gran gol, devono essere stati segnati in partite importanti. Devono poi essere stati segnati nel corso di azioni corrette, senza falli o irregolarità, e non devono essere il risultato di un errore degli avversari né di un colpo di fortuna.

Qui sotto i video dei dieci gol scelti dai tre giudici nominati dalla FIFA, la calciatrice brasiliana Marta, Gabriel Omar Batistuta e Marco van Basten:

Mario Gaspar, Spagna-Inghilterra (13/10/2015)

 

 

Daniuska Rodríguez, Venezuela-Colombia (14/03/2016)

 

Mohd Faiz Subri, Pulai Pinang-Pahang (16/02/2016)

 

Hlompho Kekana, Camerun-Sudafrica (26/03/2016)

 

Marlone, Corinthians-Cobresal (21/04/2016)

 

 

Lionel Messi, Stati Uniti-Argentina (21/06/2016)

 

 

Neymar, Barcellona-Villarreal (8/11/2015)

 

 

Saúl Ñíguez, Atletico Madrid-Bayern Monaco (27/04/2016)

 

 

Hal Robson-Kanu, Galles-Belgio (01/06/2016)

 

Simon Skrabb, Gefle-Atvidaberg (31/10/2015)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.